Superbike, De Angelis: “A Jerez abbiamo lavorato molto sull’elettronica della Kawasaki”

I recenti test di Jerez de la Frontera hanno mostrato un Alex De Angelis in forma più che buona. Il 32enne sanmarinese, al termine della sua prima stagione con le Derivate di Serie, passata a guidare l’Aprilia del team Iodaracing (2° in gara-2 al Lausitzring come miglior risultato), è passato alla scuderia Pedercini Racing SC-Project, trovandosi per mano la Kawasaki Ninja ZX-10R.

Alex De Angelis, durante i test di Jerez di inizio settimana (foto da: super7moto.com)

Un’occasione importante, dunque, per prender confidenza con una moto nuova, in modo da trovare il giusto feeling in vista dell’esordio, previsto in Australia, Phillip Island, fra meno di tre settimane. A tal fine, nonostante la pioggia che ha disturbato non poco la sessione di prove andalusa, De Angelis ha cercato di girare il più possibile, lavorando in particolare sull’elettronica.

Abbiamo avuto due giorni di test con un meteo particolare” – dice De Angelis a Motorsport.com – “Ci siamo dovuti fermare per un paio d’ore il primo giorno a causa della pioggia e non potendo effettuare altri giri. Il secondo giorno, invece, non ha mai smesso di piovere e quindi abbiamo deciso di stare in pista, con risultati positivi“.

All’inizio c’è stato qualche problema” – continua il sanmarinese – “Poi però abbiamo fatto davvero un buon lavoro, grazie agli ingegneri Kawasaki che lavorano con i team privati. Abbiamo lavorato sodo sull’elettronica, riuscendo a tirar fuori un buon tempo. È stato utile conoscere meglio sia la moto che il team, e stiamo iniziando ad avere il nostro know-how“.

Gianluca Zippo

Informazioni sull'autore
Laureato in Giurisprudenza alla Federico II di Napoli. Malato di Formula 1 e calcio, seguo anche la MotoGP e la NBA.
Tutti i post di Gianluca Zippo