Slavia Praga – Inter 1-3, voti e pagelle: Lautaro e Lukaku decisivi, Borja e Biraghi deludono

LInter vince 3-1 contro lo Slavia Praga nella 5°giornata del Gruppo F valida per la fase a gironi di Champions League e torna in corsa per la qualificazione agli ottavi di finale. Protagonisti assoluti Lautaro Martinez con una doppietta e Romelu Lukaku con due assist e un gol ( più due annullati), che rimediano al momentaneo pareggio dei padoni di casa su rigore di Soucek. Nerazzurri che possono passare aritmeticamente il turno se battono il Barcellona nell’ultima in casa a San Siro, o sperare in un passo falso del Borussia Dortmund contro il Praga

L’Inter riaggiusta il proprio gruppo Champions e coglie un’importante vittoria ai fini della possibile qualificazione: 3-1 allo Slavia Praga in trasferta e 7 punti nel girone, a pari merito col Borussia Dortmund ma nerazzurri avanti per gli scontri diretti. Ora la squadra di Antonio Conte ha il destino nelle proprie mani: con una vittoria sul Barcellona all’ultima giornata, saranno ottavi di finale. 

Nonostante la caratura sicuramente inferiore dello Slavia Praga rispetto alle altre due contenders del girone per l’Inter, i padroni di casa sono compatti e aggressivi e non fanno giocare un buon primo tempo ai nerazzurri, che faticano a creare gioco e appiaiono lenti e poco qualitativi a centrocampo, con il peso sentito dell’assenza di Barella. L’Inter rischia poco ma non crea, affidandosi più a verticalizzazioni che a uno sviluppo di manovra fluido. Su una di queste, sull’asse Lukaku – Lautaro, si crea lo 0-1. Slalom di forza del 9 belga che se ne va sulla destra, mette in mezzo per Lautaro che con una girata di destro firma il vantaggio. L’Inter la chiuderebbe virtualmente nella prima frazione, ma lo 0-2 da pochi passi di Lukaku viene annullato e assegnato un rigore allo Slavia Praga per un fallo precedente di de Vrij su Olayinka: Soucek dal dischetto trafigge Handanovic ed è 1-1. 

Nella ripresa l’Inter attacca, approffittando anche di un avversario che si rintana nella propria meta campo e che nel secondo tempo ha una sola grande occasione con Masopust, sventata da Handanovic. A metà tempo, due traverse di Lukaku e Brozovic negano il nuovo vantaggio nerazzurro, che però arriva al minuto 80, quando il neo entrato Lazaro lancia Lukaku in campo aperto approffttando di un erroraccio difensivo ceco e scaraventa in porta l’1-2. Passano 7 minuti e l’Inter la chiude: bell’assist d’esterno destro di Lukaku a servire in area Lautaro Martinez, che col destro al volo firma l’1-3. A fine partita Lukaku segnerebbe la sua doppietta con una bella azione personale, ma la rete è annullata per offside. L’Inter torna in corsa in Champions: Europa League matematica ma sogno ottavi ancora vivo, Barcellona permettendo.   

VOTI E PAGELLE 

LAUTARO MARTINEZ, 7.5: doppietta decisiva in una gara importante in Champions: il primo gol è da bomber oppurtunista, il secondo è un colpo da talento. Ottima l’intesa col partner d’attacco Lukaku. 

LUKAKU, 7.5: a conti fatti, segnerebbe una tripletta e farebbe due assist ma a referto finisce solo una rete e gli assist. Si inventa il vantaggio nerazzurro con una progressione di forza, si sblocca in Europa con l’1-2 e serve un altro grande pallone a Lautaro per l’1-3. Stavolta decisivo anche in campo europeo. 

BORJA VALERO, 5.5: rimane in campo pure più del previsto, ben 76 minuti prima di essere sostituito e l’impegno è innegabile. Ma il confronto con Barella è impietoso: lento e macchinoso, è un corpo avulso nei ritmi alti della partita ma anche dei compagni di squadra.              

BIRAGHI, 5: anche lui in campo per 76 minuti ma di totale evanescenza. Nel primo tempo è totalmente nullo in fase di spinta ed è umile in copertura e continua nell’anonimato anche nella ripresa. Al suo posto Lazaro che è subito concreto con un assist.. Forse una buona riserva, per la titolarità serve altro. 

 

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

Bonus di Benvenuto fino a 105€

Sisal Matchpoint

5€ Bonus Scommesse alla RegistrazioneFino a 350€ di Bonus

Riccardo Tanco

Informazioni sull'autore
Classe 1993, abito nella provincia di Milano. Tifoso dell'Inter. Giocatore preferito: Adriano
Tutti i post di Riccardo Tanco