Serie B, 2° giornata: Cosenza-Verona non disputata; Spezia, Cittadella e Padova di misura

Carpi-Cittadella 0-1: gli emiliani sfiorano più volte il gol, ma Piscitella e, soprattutto, Mokulu si divorano il vantaggio; i veneti vanno a loro volta vicini alla rete con Settembrini e sbloccano improvvisamente il match a dieci minuti dal termine con Proia, che concretizza da pochi passi un’azione da calcio di punizione. Il Carpi resta fermo a 0, mentre il Cittadella va a quota 6 punti.

Cosenza-Verona non disputata da destinarsi per impraticabilità di campo: non ha certo fatto una bella figura la società bruzia, che ha avuto la brillante idea di provare a rimediare alle indecorose condizioni del terreno di gioco solo poco prima dell’inizio del match, tanto che durante il riscaldamento mancavano pure le linee di demarcazione. Adesso il Cosenza rischia lo 0-3 a tavolino.

Padova-Venezia 1-0: è ancora Luca Ravanelli a regalare punti ai patavini, che vincono il derby contro i lagunari uscendo indenni da un inizio di campionato a dir poco in salita. Il difensore centrale decide la partita con una poderosa zuccata su punizione di Clemenza.

Spezia-Brescia 3-2: la partita più bella del sabato cadetto viene vinta dai liguri, che rispondono ai gol di Donnarumma e Morosini con una doppietta del giovanissimo centravanti Nicholas Pierini, figlio dell’ex difensore Alessandro, e trionfano grazie all’altro attaccante Gyasi. Va detto che le prime quattro reti del match sono arrivate nei primi venti minuti di partita, a dimostrazione dei ritmi folli impressi da subito.

Ludovico Maiorana

Informazioni sull'autore
Sono Ludovico Maiorana, ho 33 anni, quasi 34, e sono di Barcellona Pozzo di Gotto. Sono laureato in Scienze Storiche e scrivo per Stadiosport.it.
Tutti i post di Ludovico Maiorana