Serie A1 volley femminile: Milano insegue Conegliano. Sprofonda Busto Arsizio

Serie A1 volley femminile, Milano centra la sesta vittoria in campionato e approfitta del tracollo di Novara per issarsi al secondo posto, dietro la capolista Conegliano. Sprofonda Busto Arsizio, che perde 3-1 anche con Bergamo.

Ieri si è concluso il sesto turno del campionato di Serie A1 volley femminile. Un weekend che ha fatto registrare l’ennesima affermazione di Milano. La squadra di Gaspari batte nettamente la Megabox Vallefoglia nel primo dei due anticipi (25-19; 25-10; 25-18) e si issa al secondo posto in solitaria, all’inseguimento della corazzata Conegliano.

Le lombarde si affidano ancora una volta ai colpi di Thompson, top scorer con 16 punti, e guardano con interesse al tracollo di Novara. Le piemontesi incassano il secondo 3-0 di fila (25-16; 25-18; 25-23), stavolta nel derby contro Chieri, trascinata da una super Grobelna (15 punti per lei). Proprio le “Collinari” si prendono il terzo posto in classifica, condiviso con la Scandicci di Barbolini, che batte 3-0 Macerata (25-18; 25-11; 25-21), con Antropova che mette a referto 15 punti.

Serie A1 femminile volley

Nessuno è riuscito a fare meglio, sinora, di Conegliano: la squadra di Santarelli batte anche un’ottima Casalmaggiore, 3-1 (25-19; 22-25; 25-17; 25-10), e si gode un Isabelle Haak (27 punti con cinque muri e tre aces), che non fa affatto rimpiangere Paola Egonu.

D’umore completamente opposto Busto Arsizio: vero enigma di questo inizio campionato, la squadra lombarda cede anche nel derby contro Bergamo, che la batte 3-1 (22-25; 25-14; 25-19; 25-23), e la spinge al penultimo posto, in compagnia di Macerata, e davanti soltanto al fanalino di coda Pinerolo.

Pinerolo che perde al tie break il match salvezza contro una Perugia in salute, mentre nel posticipo di giornata si registra il guizzo di Cuneo, capace di battere Firenze 2-3 (25-20; 23-25; 25-16; 21-25; 12-15), e di dare un po’ d’ossigeno alla propria classifica.