Serie A 2018-2019, squalificati 36° giornata: fermati Bruno Alves, Bourabia, Rigoni, Palomino, Radu e Romero

Il Giudice Sportivo ha deciso di squalificare per una giornata di campionato Bruno Alves e Rigoni del Parma, Rigoni del Chievo, Bourabia del Sassuolo, Palomino dell’Atalanta, Radu della Lazio e Romero del Genoa 

Ci vogliono ancora due settimane prima di conoscere tutti i verdetti, ma il prossimo weekend potrebbe essere decisivo. Molte squadre, però, saranno orfane di tanti giocatori importanti, squalificati dal Giudice Sportivo dopo la 36° giornata di Serie A, 17° turno del girone di ritorno. 

La sconfitta di Bologna ha lasciato strascichi importanti per il Parma, che dovrà sfidare la Fiorentina senza Bruno Alves, espulso per doppia ammonizione, e Luca Rigoni, già precedentemente diffidato, così come il fratello Nicola del Chievo Verona dopo il ko contro l’Inter e quindi assente contro il Torino. 

L’Atalanta giocherà contro la Juventus senza lo squalificato Josè Palomino dopo il giallo ricevuto contro il Genoa, che avrà lo scontro diretto contro il Cagliari senza Christian Romero, così come il Sassuolo ospita la Roma senza poter convocare lo squalificato Mehdi Bourabia e la Lazio ospiterà il Bologna orfano di Stefan Radu dopo la vittoria contro contro i sardi. 

Infine, 10 mila euro di multa all’Inter per il fascio di luce contro il portiere avversario da parte dei tifosi durante la partita contro il Chievo, 3 mila e 500 euro al Torino per il ritardo dell’inizio del secondo tempo e 3 mila euro di ammenda anche alla Spal per lancio di un bicchiere di plastica in campo contro il Napoli. 

Ecco il comunicato ufficiale con tutti gli squalificati e i dettagli delle motivazioni: 

http://www.legaseriea.it/uploads/default/attachments/comunicati/comunicati_m/7992/files/allegati/8063/cu230.pdf 

Benito Letizia

Informazioni sull'autore
Direttore di Stadiosport. Giornalista Pubblicista, Laureato in Lettere Moderne e Filologia Moderna presso l’Università Federico II di Napoli. "Il calcio è vita".
Tutti i post di Benito Letizia