SBK Donington 2017 Gara-1, che soddisfazione per Haslam e Lowes

Le circostanze di Gara-1, in particolare le cadute di Rea e Davies, hanno permesso a due outsider di far compagnia al vincitore Tom Sykes. Parliamo della wild card Leon Haslam (Kawasaki Puccetti Racing) e di Alex Lowes (Yamaha), giunti rispettivamente in 2° e 3° posizione. A risaltare è soprattutto la prova di Haslam, che ha dato una bella dimostrazione di quanto possa meritare una moto nel Mondiale SBK, mentre attualmente è impegnato nel campionato britannico delle derivate di serie.

Leon Haslam, splendido 2° in Gara-1 a Donington, da wild card (foto da: worldsbk.com)

LEON HASLAM (2°) –Sono molto felice di questo risultato. Sinceramente il secondo posto è molto più di quello che mi aspettavo di poter fare oggi. La caduta di questa mattina in Superpole 2 mi ha costretto a partire più indietro, ma alla fine sono riuscito a chiudere secondo. Non ci sono davvero parole! Ringrazio Manuel Puccetti per l’opportunità che mi ha dato di correre qui oggi. Ora non ci resta altro da fare che rimetterci al lavoro per prepararci per la gara di domani“.

ALEX LOWES (3°) –E’ sempre fantastico correre davanti ai propri tifosi. Era l’unica possibilità che avevamo quest’anno ed ho voluto fare qualcosa di speciale! Pensavo che tutto era andato storto alla prima curva, quando qualcuno mi ha colpito dall’interno e sono quasi uscito di pista. Poi sono riuscito a stare tranquillo e a rimanere concentrato. Da allora in poi è stata una delle gare più divertenti in carriera, perché ho effettuato dei sorpassi per tutti e 23 i giri e la corsa mi è sembrata breve“.

Alex Lowes ha chiuso sul gradino più basso del podio Gara-1 a Donington (foto da: worldsbk.com)

Abbiamo avuto un po ‘di fortuna all’ultimo giro quando Melandri ha commesso un errore e siamo riusciti a salire sul podio. Non è nient’altro quello che la squadra merita. Lavorano così duramente e sono veramente felice di essere riuscito a dargli un soddisfazione. Mi aspettavo di poter essere il pilota più veloce subito dopo i leader del campionato, e ci sono riuscito avendo trovato un buon feeling con la mia moto e sapendo di poter mantenere il mio passo fino alla fine della gara. Non vedo l’ora che venga domani e vedremo cosa possiamo fare in gara due. Abbiamo corso tutti in questo weekend in memoria di Nicky Hayden“.

Gianluca Zippo

Informazioni sull'autore
Laureato in Giurisprudenza alla Federico II di Napoli. Malato di Formula 1 e calcio, seguo anche la MotoGP e la NBA.
Tutti i post di Gianluca Zippo