Sampdoria-Juventus 1-2, voti/analisi: tridente quasi a pieno regime e Ronaldo vola, letteralmente…

Nell’anticipo della 17^ giornata di Serie A, la prima gara dell’ultimo turno del campionato nel 2019, la gara numero 160 in ordine cronologico del torneo, la Juventus espugna 1-2 il campo della Sampdoria.

I bianconeri di Sarri chiudono il loro 2019 di Serie A riprendendosi seppur momentaneamente la vetta. Al termine di un match combattuto contro i doriani di Claudio Ranieri, tecnico dal grande passato juventino.

Padroni di casa che iniziano il match in attacco, con il cross di Jeison Murillo a centro area per la testa di Ramirez che manda alto di poco.

E’ un preludio al gol, ma su sponda opposta, cross lungo di Alex Sandro che imbecca alla perfezione Dybala che con un gran sinistro al volo apre le marcature.

Per La Joya 8° gol stagionale, 5° in questo campionato.

Come sovente accade, i bianconeri si rilassano un pò, forse troppo, dopo un gol segnato.

Ed è così che una confusa azione doriana sancisce il momentaneo pareggio con Gianluca Caprari, che infila di destro un Buffon recordman – oggi 647 presenze in Serie A, appaiato il record del Mito Paolo Maldini.

Protagonista in negativo questa volta Alex Sandro, che prima perde palla in difesa e poi serve involontariamente il suo secondo assist del match, ma stavolta ad un avversario.

Il brasiliano si fa perdonare alla grande servendo un altro assist e stavolta vincente, un altro suo cross imbecca perfettamente in area Cristiano Ronaldo, protagonista di uno stacco di testa da paura.

CR7 si va a prendere in cielo il pallone della vittoria, saltando a 2.56 metri e rimanendo in volo per quasi 1 secondo, si direbbe una roba da fantascienza.

Invece è la realtà, quella di un giocatore che è uno dei migliori di sempre e riesce a fare cose che altri non riescono perché la costanza dei suoi allenamenti lo rende un giocatore diverso da tutti gli altri.

Doppia cifra in questa Serie A per Ronaldo, 12° gol stagionale contando i 2 in Champions entrambi al Leverkusen, 712° ufficiale in carriera.

Prima del gol definitivo lo stesso portoghese disegna da solo il quadro di un tridente che stavolta non è proprio a pieno regime: un suo cross in area viene clamorosamente ciccato sia da Dybala che da Higuaìn.

La Samp ha il grande merito di non gettare la spugna e giocarsi il match fino all’ultimo, ma la Juve è brava a gestire.

La ripresa si apre con i doriani in attacco e con una prolungata azione conclusa da una insidiosa incursione in area di Thorsby, che di destro manda sull’esterno della rete.

Replica un’altra insidiosa azione dei padroni di casa, cross di Murru, spizzata di testa in area di Gabbiadini e per poco Ramirez non trova la deviazione vincente sotto misura.

La Juve riprende il pallino del gioco prima con Dybala che serve un buon pallone al redivivo Ramsey che calcia alto sulla traversa facendo tirare un sospiro di sollievo al vip di turno.

Poi lo stesso gallese lancia Ronaldo verso il gol del raddoppio e della sicurezza ma la sterzata del portoghese produce solo un gran destro che mette i brividi ai padroni di casa.

Che poi nel finale subiscono anche la beffa dell’espulsione dell’autore del gol Caprari.

Juve che quindi chiude il suo 2019 di campionato riprendendosi la vetta, che mal che vada condividerà con l’Inter per le vacanze di Natale.

Bianconeri che adesso possono concentrare tutte le loro forze ed energie sull’ultimo impegno stagionale, quello che assegna il primo trofeo, la Supercoppa Italiana contro la Lazio Domenica 22 Dicembre.

Appuntamento da non fallire per la banda di Sarri, che vuole il suo 1° trofeo da tecnico juventino.

I migliori.

Alex Sandro, voto 7.5

Sancisce la vittoria con due cross al bacio, poco male che, per puro caso, un assist lo serva anche per l’unico gol avversario.

Cristiano Ronaldo, voto 7.

Conferma la sua fase di netta ripresa con un imperioso stacco di testa vincente che è già nella storia del calcio.

Dybala, voto 6.5

Apre le marcature con uno splendido sinistro al volo, per il resto la sua presenza là davanti è sempre di peso.

Ramsey, voto 6.

Subentra nella ripresa ad un Higuaìn non in grande serata e si guadagna la pagnotta con un bel tiro di poco alto e delle buone accelerazioni, oltre a un bel corridoio che però Ronaldo non sfrutta al massimo.

Ramirez, voto 6.5

Una costante spina per la retroguardia juventina, meriterebbe il gol.

Caprari, voto 6.

Ha il merito di segnare il momentaneo pari – il suo 2° in campionato e 3° in stagione – ma nel finale in pieno recupero tocca duro Demiral e si becca l’espulsione.

I peggiori

Buffon, voto 5.5

Non è molto operoso, ma nel match in cui segna l’ennesimo record di una pluridecorata carriera ha il demerito di farsi sorprendere da Caprari subito al primo tiro in porta subito.

Higuaìn, voto 5.5

Stavolta sparisce dal tridente, poco attivo, sostituito al 69′ da Ramsey.

Difesa Samp, voto 5.5

Va bene avere davanti il tridente juventino, ma peccano troppo spesso in fase di copertura.