Sampdoria-Inter 0-5, voti e pagelle: Icardi devastante, Cancelo perfetto

Roboante vittoria dell’Inter che sbanca il Marassi e supera per 5-0 una brutta Sampdoria.

Mattatore della giornata e man of the match Mauro Icardi, autore di un poker spettacolare dopo mesi piuttosto grigi. Impossibile non sottolineare anche la prova di Joao Cancelo, autore di assist, cross, un incrocio dei pali su corner e in generale di una partita da incorniciare. Tra i migliori anche Rafinha che continua a fornire prestazioni molto convincenti. Da sottolineare anche i progressi di Perisic (tornato al gol dopo circa quattro mesi), Candreva, Brozovic e Gagliardini.

Nella Sampdoria davvero difficile trovare qualcuno capace di strappare la sufficienza: tra i più propositivi sicuramente Praet e Zapata. Disastrosi a centrocampo Ramirez e Barreto, male tutta la difesa e in modo particolare i due esterni Murru e Bereszynski.

Sampdoria (4-3-1-2): Viviano 5,5; Bereszynski 4 (33′ pt Verre 5,5), Silvestre 5, Ferrari 5, Murru 4; Barreto 4 (9′ st Regini 5), Torreira 5, Praet 6; Ramirez 4 (5′ st Caprari 5); Quagliarella 5, Zapata 6. Allenatore: Giampaolo 4.

Inter (4-2-3-1): Handanovic 6; Cancelo 8, Skriniar 7, Miranda 7, D’Ambrosio 6,5; Gagliardini 7, Brozovic 6,5; Candreva 6,5 (33′ st Vecino s.v.), Rafinha 7,5 (35′ st Borja Valero s.v.), Perisic 7; Icardi 9 (21′ st Eder 6). Allenatore: Spalletti 7.

I migliori:

Icardi 9: dopo mesi in cui è sembrato il fantasma di se stesso, in meno di un’ora trova quattro gol. Si sblocca con un calcio di rigore, poi trova un astuto colpo di tacco, un gol da rapace d’area e un gol di pura coordinazione. Con il poker di ieri raggiunge quota 103 gol in Serie A ad appena 25 anni.

Cancelo 8: ormai possiamo dirlo serenamente: il miglior terzino dell’Inter dai tempi di Maicon. Prestazione sontuosa, tra assist, corsa, giocate da urlo, un incrocio dei pali da calcio d’angolo: riscattare Joao Cancelo deve essere uno dei primi obiettivi del mercato estivo neroazzurro.

Rafinha 7,5: ottanta minuti non solo di grande qualità ma anche di ottima quantità che spazzano via ogni dubbio sullo stato fisico del brasiliano. Sfiora per due volte il gol, una di tacco e una in cui colpevolmente liscia il pallone a pochi centimetri dalla porta, ma gli è mancato solo quello.

I peggiori: 

Ramirez 4: cinquanta minuti di nulla e di errori tanto banali quanto gravi. Inesistente.

Barreto 4: al centrocampo della Sampdoria manca quantità e qualità: Barreto non riesce a fornire né l’una né l’altra. Un suo fallo banale regala un rigore all’Inter.

Murru e Bereszynski 4: il primo asfaltato da Cancelo e Candreva, non riesce mai a porre argine e men che meno a proporsi in fase offensiva. Il secondo se la deve vedere con il miglior Perisic del 2018 che lo tiene in costante apprensione fino all’uscita del polacco per problemi fisici.