Roma-Lazio, conferenza pre partita di Fonseca

L’allenatore giallorosso ha presentato il derby di domani. 

Reduce dall’eliminazione in Coppa Italia subita per mano della Juventus, la Roma dovrà scrollarsi di dosso le conseguenti scorie. E per farlo non c’è modo migliore di una vittoria nel derby.

CLIMA TESO- Nella Capitale, intanto, l’ambiente è carico più che mai. Nella nottata, fuori da Trigoria,  è stato affisso un indegno striscione di sberleffo per l’infortunio di Zaniolo.

Questa mattina, inoltre, i tifosi si sono dati appuntamento proprio fuori il centro sportivo giallorosso per far sentire il proprio appoggio ed incitare la squadra. E per far capire la valenza che un successo assumerebbe.

All’andata era finita con un pareggio (1-1). Ora c’è solo un risultato: la vittoria. Vero, non è la cosa più semplice, visto anche il cammino altalenante della Roma. Anche la squadra di Inzaghi, però, viene dall’uscita anzitempo in Coppa Italia (1-0 con il Napoli).

Che la gara di martedì abbia lasciato importanti strascichi nei biancazzurri? Molto probabile. La Lazio rimane però sempre squadra temibile e assolutamente da non sottovalutare. La Roma, dal canto suo, dovrà affrontare 

DOPPIO SIGNIFICATO- I tre punti non sarebbero solamente importanti per la corsa Champions, ma anche e sopratutto sul piano della fiducia. Un successo giallorosso frenerebbe infatti la (presunta?) corsa laziale allo Scudetto. Fino ad ora, la Lazio ha difatti inanellato una serie di undici risultati utili consecutivi. Sta ora alla Roma rovinare l’entusiasmo. 

Questi i principali argomenti trattati da Mister Fonseca in conferenza stampa.

Le prime battute sono di ringraziamento ai tifosi per il sostegno mostrato nella rifinitura e in tutta la stagione. Fonseca ha inoltre caricato la squadra di responsabilità, dicendo che domani dovrà lottare per i propri sostenitori. Sempre a riguardo di tifosi, gli è stata chiesta un’opinione sullo striscione contro Zaniolo. Il portoghese ha usato le maniere forti, dicendo che chi compie atti del genere non è un tifoso di calcio.

Su chi ci sarà domani, il tecnico giallorosso ha confermato i recuperi di Perotti e Pastore, entrambi convocati. A proposito di recuperi, Fonseca si è detto fiducioso sul recupero di Diawara senza addirittura l’intervento chirurgico.

Per il modulo, invece, ha smentito le voci che volevano (ancora) la difesa a 3, ribadendo quella a 4.

È stata poi comunicata la titolarità di Cristante. E qui c’è un po’ di amarezza. L’allenatore giallorosso ha affermato che il giocatore non è nelle migliori condizioni, ma che non vi sono altre soluzioni. 

Circa il discorso degli infortuni, rispondendo a cosa ne pensasse dei troppi stop, Fonseca si è detto ovviamente deluso per quanto sta succedendo, ma che non ci pensa troppo focalizzandosi dunque solo su chi ha a disposizione.

Fonseca ha poi difeso Kluivert, sostenendo (legittimamente) che un giocatore reduce da un infortunio come quello dell’olandese e con pochi allenamenti nelle gambe, possa non essere nelle migliori condizioni ( il riferimento è alla gara di Coppa Italia con la Juve). Ha poi concluso assicurando che domani si vedrà un Kluivert diverso.

Interrogato sulla stanchezza di Kolarov e sulla velocità di Lazzari, l’allenatore giallorosso si è limitato ad un:” Vediamo domani”.

Al tecnico è stata poi fatta presente la celebre frase di Rudi Garcia ( il derby non si gioca, si vince). Fonseca ha colto l’occasione per ribattere sul suo credo:” Se una squadra gioca, ha iniziativa, ha più possibilità di vincere”.

Spazio poi a qualche tasto dolente. Uno su tutti: la Lazio è più forte della Roma? 

Fonseca ha risposto dicendo che per la classifica si, è più forte. Tutto però è da vedere domani. 

È stato poi fatto notare che la Roma non ha rispettato le attese nei big match. Per difendersi, Fonseca ha dichiarato, usando un buon catenaccio, che in Italia è difficile vincere sia contro la Spal che contro la Juventus. 

Incalzato nuovamente sul mancato arrivo di Politano, Fonseca ha ribadito di non essere arrabbiato con Petrachi e con Fienga. Anzi, li ha ringraziati per aver difeso gli interessi e l’onore della società.

Ha anche tracciato un profilo del giocatore che si sta cercando: “Deve essere un giocatore che giochi bene dentro, veloce e in profondità”.

Il capitolo mercato è stato concluso dalla promessa di vedere un nuovo giocatore nei prossimi giorni. Sarà Perez?

Le ultime domande sono state sull’importanza di avere due romanisti come Pellegrini e Florenzi in squadra. All’allenatore è stato domandato se i due avessero caricato in maniera particolare la squadra durante la settimana. Per Fonseca, i giocatori sono si carichi e motivati, ma tranquilli. Fattore molto importante.

 

 

 

 

 

 

Migliori Bookmakers AAMS

FASTBET

5€ alla Registrazione + 100%  sul Primo Deposito +10% di Cashback

Eurobet

10€ Bonus Scommesse al Deposito

SISAL

5€ Bonus Scommesse alla RegistrazioneFino a 350€ di Bonus

Roberto Gentili

Informazioni sull'autore
Cresciuto a pane, calcio e sport.
Tutti i post di Roberto Gentili