Roma-Bologna 1-0, voti e pagelle: “Nel bene e nel male, la decidono le difese”

Vittoria di misura della squadra di Paulo Fonseca che torna, con il minimo sforzo, a festeggiare i tre punti in campionato contro un Bologna ben organizzato.

Roma-Bologna 1-0 (Borja Mayoral)

Basta relativamente poco alla Roma per tornare alla vittoria dopo tre partite senza vittoria in campionato.

Durante una partita giocata sotto ritmo dalla formazione giallorossa e da un Bologna coraggioso e spigoloso che, però, non ha saputo ribaltare le sorti del match a causa di un attacco fin troppo arrendevole, la vittoria è stata decisa dalla qualità delle due difese.

Mentre la squadra di Fonseca ha tenuto strette e attente le proprie linee difensive, riscoprendo un Mirante ancora capace di essere protagonista in questa Roma, il Bologna ha capitolato facendosi gol praticamente da solo.

Borja Mayoral sfrutta l’uscita difensiva poco convincente di Danilo che gli spiana la strada verso Skorupski che tra l’attendere l’attaccante spagnolo e il cercare di intercettarlo con un’uscita perentoria, sceglie la seconda opzione facendosi beffare dalla punta giallorossa che poi insacca a porta vuota.

La partita, dopo il gol, diviene lenta e meno piacevole del previsto, ma bisogna fare i complimenti alla capacità gestionale della difesa giallorossa, oggi molto convincente.

Mancini, Fazio e Ibanez hanno vinto la sfida a distanza contro Danilo, Dijks, De Silvestri e Soumaoro, che però si prende la palma di migliore in campo per il Bologna, nonché unico baluardo della difesa emiliana.

Mkhitaryan e Pastore tornano in campo e Fonseca festeggia una vittoria fondamentale.

Le pagelle della Roma

Mirante 7: Primo tempo da protagonista assoluto con almeno due interventi che salvano la Roma. Il suo ritorno in campo è di quelli che mettono la pulce nell’orecchio di Fonseca, perché se oggi i giallorossi hanno conquistato i tre punti, è per merito suo.

Mancini 7: Dopo la brutta parentesi di Amsterdam, il centrale azzurro torna a giganteggiare in fase difensiva. Non sbaglia nulla ed è tra gli artefici del risultato positivo di oggi.

Fazio 6,5: Sembrava di vedere la prima versione romana del gigante argentino. In una partita molto scorbutica dal punto di vista fisico, non sfigura affatto e, negli ultimi istanti di match, compie anche un anticipo provvidenziale.

Ibanez 7: Decisivo in entrambe le fasi, seppur involontariamente. Imbecca Mayoral in quella che poi diventa l’azione del gol vittoria, nonostante le gravi mancanze della difesa del Bologna, poi si “limita” a ringhiare su qualsiasi cosa si avvicini a meno di 20 metri dalla porta di Mirante. Torna ad essere un muro.

Reynolds 6: Una sufficienza di incoraggiamento per il ragazzo americano, alle prime esperienze nel campionato italiano. Non esalta ed è un po “nascosto” dalla manovra, però non fa errori e quello era l’importante. (dal 76’ Karsdorp 6: Entra in campo e svolge il compito in maniera corretta).

Diawara 5,5: Sembra piuttosto stanco rispetto a qualche settimana fa. Il centrocampista ex Napoli si limita a palleggiare, senza essere troppo vistoso e qualche volta deve cedere il passo al buon ritmo dei centrocampisti rossoblu. Può far meglio. (dal 68’ Veretout 6: Ordinato)

Villar 6: Buona la prestazione complessiva dello spagnolo che risulta ordinato, senza sbagliare palloni velenosi. Il suo unico errore, costa l’ammonizione a Pellegrini, ma non può rendere la sua prestazione insufficiente.

Bruno Peres 6: Meno vistoso rispetto alla prestazione di Amsterdam, ma pur sempre utile. Oggi bastava questo e lui non sbaglia.

Carles Perez 5,5: Nel secondo tempo si dimostra propositivo e volenteroso, peccato che nel primo non abbia fatto più di tre possessi. Lo spagnolo ha le potenzialità per cambiare il volto delle partite, peccato che non sempre le dimostri ed oggi è una di quelle giornate in cui l’assenza di Mkhi e Pellegrini si è sentita. (dal 77’ Pellegrini 5,5: L’ammonizione gli farà saltare il Torino. Era l’unica cosa che non doveva fare durante questa partita).

Pedro 5: Esce dal campo senza aver inciso in nessuna occasione. Ancora una volta la sua prova è ben inferiore alle aspettative riposte su di lui dopo il suo acquisto e il “vero” Pedro sembra non palesarsi mai più. (dal 68’ Mkhitaryan 6: Bentornato! L’armeno rientra in campo e dimostra subito di aver voglia di riprendersi la Roma, che ad oggi ha disperato bisogno delle sue magie).

Borja Mayoral 6,5: Torna al gol nonostante una prestazione non ancora al top. Bravo nello sfruttare gli errori degli avversari e a superare Skorupski con uno scavetto, prima di mettere il pallone in rete. Il gol è pesante, anche perché è arrivato in un momento in cui il Bologna stava giocando meglio. (dal 84’ Pastore 6: Un ritorno piacevolmente inaspettato. Pochissimi tocchi, ma il piede c’è, bisogna recuperarlo di testa).

Fonseca 6: Prestazione che accusa i sintomi della stanchezza di Amsterdam ma che, allo stesso tempo, permette ai giallorossi di festeggiare per la prima vittoria in campionato dopo 3 giornate a secco. Il Bologna “regala” il gol dell’1-0, dopo una prima fase di gara non troppo convincente da parte dei capitolini, ma dopo il gol l’entusiasmo degli emiliani si spegne e la partita diventa lenta e difensiva. Ma alla fine i punti premiano la Roma.

Le pagelle del Bologna

Skorupski 5,5: Leggermente irruento nell’uscita su Mayoral, che lo supera senza troppo difficoltà. Di certo non è il suo l’errore più grave, però ha scelto di sorprendere lo spagnolo spingendosi molto più avanti rispetto alla sua area di competenza, lasciando sguarnita la porta.

De Silvestri 6: Partita corretta dell’esterno italiano, costretto ad uscire a causa di un fastidio muscolare. Dalle sue parti la Roma non è molto pericolosa, complice un Pedro inesistente, ma è comunque concreto. (dal 60’ Antov 6)

Soumaoro 6,5: Migliore in campo per il Bologna. Il ragazzo gioca una partita difensivamente ineccepibile e Mayoral ha enormi difficoltà a superarlo. Senza di lui il passivo poteva essere più grave.

Danilo 4,5: Vanifica un primo tempo di grande spessore del suo Bologna, con una scelta di tempo a dir poco dilettantesca su Mayoral, spianando la strada all’immeritato vantaggio giallorosso. Da quel momento in poi, la partita per i suoi è in salita.

Dijks 5,5: Senza infamia e senza lode. Partita corretta in fase difensiva, ma con poca spinta in fase d’attacco. Peccato perché con Reynolds contro di lui, poteva osare.

Schouten 6: Ordinato e preciso, soprattutto nei primi 45 minuti. Gioca bene in entrambe le fasi ma manca il guizzo vincente per dare pericolosità alla manovra degli emiliani. (dal 77’ Dominguez 6: Entra e gioca 20 minuti di buon calcio. Non cambia la partita, ma la sua presenza è utile in molti duelli).

Svanberg 5,5: Leggermente impreciso nel primo tempo, si eclissa totalmente nel secondo in cui i ritmi sono bassissimi. Si abbandona ad una prestazione al di sotto delle aspettative ed è un peccato perché aveva i colpi per poter fare meglio. (dal 70’ Juwara 6: Ha grande coraggio e personalità, ma non cambia le sorti del match).

Skov Olsen 6: Primo tempo di sufficiente fattura, mentre nel secondo cala un po rendendo inevitabile la sua sostituzione. Gli è mancata la pericolosità negli ultimi 20 metri. (dal 60’ Orsolini 5,5: Siamo sicuri che anche Sinisa sperava in un suo ingresso in campo con maggiore cattiveria e qualità. L’azzurro si scioglie come neve al sole appena tocca il prato dell’Olimpico e la sua squadra continua ad essere sterile in attacco).

Soriano 6: Ha avuto buone occasioni per segnare nel primo tempo, ma Mirante oggi è in giornata. Nel secondo tempo si arrende ai ritmi soporiferi del match.

Barrow 5: Dura un’ora la partita del giovane attaccante rossoblu e, nonostante un buon Bologna, non si segnala alcuna giocata degna di nota. L’impressione, infatti, è che sia mancata la sua imprevedibilità ad un Bologna spesso pericoloso. (dal 60’ Sansone 5,5: Entra male in campo. Si allarga senza mai accentrarsi e senza mai creare superiorità).

Palacio 5,5: Inizia bene, conclude male. L’argentino mette sempre cuore e anima per la squadra, ma dal punto di vista offensivo non impensierisce troppo la ben organizzata difesa della Roma.

Mihajlovic 6: Il Bologna gioca un buonissimo primo tempo e non è certamente colpa di Sinisa se Danilo compie la frittata, con gentile concessione di Skorupski. Peccato perché oggi la squadra emiliana avrebbe meritato almeno un punto, ma dopo il gol subito è sembrata subito troppo arrendevole. Il secondo tempo è sottotono per entrambe le squadre, ma la prestazione generale può soddisfare l’allenatore rossoblu.

Migliori Bookmakers AAMS

FASTBET

5€ alla Registrazione + 100%  sul Primo Deposito +10% di Cashback

Eurobet

10€ Bonus Scommesse al Deposito

SISAL

5€ Bonus Scommesse alla RegistrazioneFino a 350€ di Bonus