Ripresa Serie A: ipotesi classifica con media punti in caso di nuovo stop

Tra le ipotesi in caso di ulteriore stop della Serie A per l’emergenza Coronavirus dopo la ripresa del 20 giugno, la FIGC e la Lega Serie A stanno valutando anche la possibilità di congelare la classifica con la media punti e non con il famigerato algoritmo

Ci siamo, il ritorno del calcio è alle porte. La prossima settimana l’Italia rivedrà una partita di calcio nazionale con la Coppa Italia e, al suo termine, finalmente tornerà anche la Serie A.

Eppure, il Governo ha dato l’ok alla FIGC e alla Lega Serie A solo dopo aver ricevuto i piani alternativi in caso di ulteriore stop del campionato, al momento ipotesi remota, ma pur sempre non impossibile qualora l’emergenza legata al pericolo di diffusione e contagio al Coronavirus, al secolo Covid-19, possa tornare a bloccare il mondo.

Per questo, la FIGC ha proposto alla Lega Serie A l’ipotesi Play-off e Play-out, che però non sono stati ben accolti, visto che, giustamente, qualora non si potesse giocare a calcio normalmente, perché si dovrebbe riuscire a giocare con format differenti?

Il punto è: o si conclude regolarmente oppure sarà necessario cristallizzare la classifica per l’assegnazione del titolo, dei posti che valgono la qualificazione alle prossime edizioni di Champions League e Europa League e le retrocessioni.

In tal senso, la FIGC aveva proposto l’ormai famigerato algoritmo, che però non sembra aver trovato chissà quale entusiasmo nella Lega Serie A, che, invece, preferirebbe optare per l’utilizzo della media punti, unico criterio valido per decidere l’eventuale classifica finale. 

Ma come funziona la media punti? Bella domanda o, meglio, la risposta sembra semplice: punti raccolti diviso le partite giocate, il tutto moltiplicato per 38. 

Insomma, aritmetica allo stato puro: (p.r./p.g.) x 38. Una nuova equazione che neanche Einstein avrebbe potuto inventarsi, ma già adottata in Francia per la classifica finale della Ligue 1

Cosa succedere con questa classifica? Cambierebbe molto poco: Juventus comunque ancora campione d’Italia con un punto di vantaggio sulla Lazio, Inter e Atalanta in Champions League e Roma e Napoli in Europa League.

Le differenze sarebbero nel proseguo della classifica: Milan da settimo a nono e fuori dall’Europa, sostituito dal Verona, mentre il Parma sarebbe ottavo e il Torino supererebbe l’Udinese

A retrocedere sarebbero sempre Spal, Brescia e Lecce, visto che il Genoa ha una migliore differenza reti. 

Ecco l’ipotetica classifica possibile con la media punti: 

  1. Juventus media 2,42 punti (=)
  2. Lazio 2,38 punti (=)
  3. Inter 2,16 punti (=)
  4. Atalanta 1,92 punti (=)
  5. Roma 1,73 punti (=)
  6. Napoli 1,50 punti (=)
  7. Verona 1,4 punti (+1)
  8. Parma 1,4 punti (+1)
  9. Milan 1,38 punti (-2)
  10. Bologna 1,31 punti (=)
  11. Sassuolo 1,28 punti (=)
  12. Cagliari 1,28 punti (=)
  13. Fiorentina 1,15 punti (=)
  14. Torino 1,08 punti (+1)
  15. Udinese 1,08 punti (-1)
  16. Sampdoria 1,04 punti (-1)
  17. Genoa 0,96 punti (=)
  18. Lecce 0,96 punti (=)
  19. Spal 0,69 punti (=)
  20. Brescia 0,62 punti (=)

*Tra parentesi, le posizioni perse o guadagnate rispetto alla classifica attuale. 

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

Bonus di Benvenuto fino a 105€

Sisal Matchpoint

5€ Bonus Scommesse alla RegistrazioneFino a 350€ di Bonus

Benito Letizia

Informazioni sull'autore
Direttore di Stadiosport. Giornalista Pubblicista, Laureato in Lettere Moderne e Filologia Moderna presso l’Università Federico II di Napoli. "Il calcio è vita".
Tutti i post di Benito Letizia