Real Madrid – Inter 3-2, voti e pagelle: Barella sempre il migliore, male Vidal. Vinicius e Rodrygo svoltano il match

L’Inter perde 3-2 contro il Real Madrid e subisce il primo KO del girone in Champions League. Allo stadio Alfredo di Stefano di Madrid, i nerazzurri vanno in doppio svantaggio con i gol di Benzema e Ramos, ma rimontano fino al pari con Lautaro Martinez e Perisic. Al 80° Rodrygo firma il 3-2 finale. Partita di carattere degli uomini di Conte, però ancora puniti da errori difensivi contro un Real tecnicamente migliore e cinico.

Antonio Conte non abbandona il 3-5-2 e sceglie Handanovic tra i pali, pacchetto difensivo con Bastoni, de Vrij e D’Ambrosio. Young e Hakimi sulle fasce, in mediana Barella, Brozovic e Vidal. Ancora confermato Perisic come seconda punta assieme a Lautaro Martinez.

Zidane risponde col 4-3-3 con Courtois in porta, difesa con Lucas Vazquez, Varane, Sergio Ramos e Mendy. A centrocampo Valverde, Casemiro e Kroos. In attacco Asensio, Benzema e Hazard. Panchina per Modric e Marcelo.

Nel primo tempo l’Inter non cambia la propria impostazione, cercando di tenere il possesso palla e costruire tramite la manovra, soprattutto sfogandosi sugli esterni dove Young e Hakimi trovano spazi da attaccare. I nerazzurri però hanno di fronte per la prima volta in stagione, una squadra tecnicamente superiore che muove con velocità e talento il pallone, e pressa in maniera organizzata la costruzione bassa interista.

La partita vive di fiammate, con il Real Madrid ovviamente più padrone del gioco e l’Inter costretta a “snaturarsi” con fasi d’attesa e colpire in ripartenza, soprattutto sulle fasce madridiste non perfettamente coperte. La prima chance arriva al 9° minuto, discesa sulla destra di Hakimi, il marocchino calibra male il cross ma Perisic recupera il pallone, riscodella in mezzo per Barella che di testa colpisce la traversa.

L’Inter si farà pericolosa anche con Vidal e Lautaro, ma subisce la maggior tecnica dei Blancos e i tanti errori di passaggio. Un’ altra enorme sciocchezza individuale consegna il vantaggio al Real: pessimo retropassaggio di Hakimi verso Handanovic che viene intercettato da Benzema, che a porta vuota ha facilità a segnare l’1-0 al 25°.

Il Real Madrid sull’onda del vantaggio spinge e trova il 2-0 al 33°: da corner de Vrij si perde Sergio Ramos che stacca di testa il raddoppio dei padroni di casa. L’Inter ha però la forza della reazione immediata e al 35° grazie a un tacco lucido di Barella, Lautaro non sbaglia in area la palla dell’1-2. Nella prima frazione i migliori proprio Barella e Lautaro, male Vidal e Hakimi.

La ripresa è tesa per ambo le squadre, con il Real Madrid in bilico tra affondare il colpo e gestire e un’Inter obbligata alla rimonta ma comunque guardinga nello scoprirsi. La parte iniziale di seconda frazione è molto tattica, con la squadra di Zidane in controllo del pallone grazie alla maggior cifra tecnica e l’Inter che prova a colpire in ripartenza, sfruttando i meccanismi non eccelsi della difesa madrilena.

Dopo qualche buona situazione non sfruttata, l’Inter reagisce bene a livello mentale e al 68° trova il pari: lancio di Vidal per Lautaro che serve Perisic lasciato solo in area da Vazquez e il croato col sinistro batte Courtois per il 2-2. L’Inter è in inerzia positiva e con Lautaro e Perisic spreca il 2-3 e probabilmente pesa la brutta gestione dei cambi di Conte nel periodo tra il pari e il nuovo vantaggio Real, togliendo un ottimo Barella e inserendo troppo tardi Sanchez.

Sul momento migliore dell’Inter, un’altra disattenzione difensiva nerazzurra con D’Ambrosio che si perde Vinicius sulla fascia innesca il 3-2 dei padroni di casa, con Rodrygo che col sinistro batte Handanovic in area. Finisce così, un’Inter tecnicamente non perfetta ma di carattere e nervi che ha la forza di rimontare due reti al Real, ma che viene ancora punita da errori difensivi individuali sui gol, che vengono pagati col prezzo massimo contro una squadra cinica e tecnicamente superiore.

VOTI E PAGELLE

TOP INTER

BARELLA, 7: ormai il centrocampista della Nazionale e dell’Inter è abbonato alla palma di migliore dei suoi. Con un Vidal non in serata e un Brozovic nella media, Barella corre e rimane lucido contro il forte centrocampo Real. Strappi e qualità, illumina con un tacco l’1-2 di Lautaro.

LAUTARO MARTINEZ, 7: serata difficile perché contro ha un mostro sacro come Sergio Ramos, ma l’argentino accetta la sfida e non si tira indietro. Prima un’occasione parata da Courtois, poi trova l’1-2 con una bella conclusione in area. Serve l’assist del 2-2 per Perisic e sfiora l’incredibile 2-3. Fare di più era quasi impossibile.

FLOP INTER

HAKIMI, 5: brutta prestazione dell’esterno destro marocchino contro la sua ex squadra. Compassato e impreciso, anche se avrebbe spazio da attaccare visto la copertura non eccelsa di Mendy. Serata no che è nel simbolo del retropassaggio scellerato che scaturisce l’1-0 di Benzema.

D’AMBROSIO, 5: partita ordinata, ma l’errore con cui lascia andare Vinicius sulla fascia costa la partita ed è l’ennesimo errore individuale che costa punti ai nerazzurri, con quelli di Hakimi e de Vrij.

VIDAL, 4.5: grinta sì ma lucidità 0. Corre spesso a vuoto, falloso, confuso e con poche idee. Ci mette foga ma è quasi sempre sprecata. Unico lampo il passaggio chiave per Lautaro che porta al 2-2.

TOP REAL MADRID

VINICIUS JR & RODRYGO, 7.5: La mossa vincente di Zidane: al 64° cambia le deludenti ali Asensio e Hazard (5 ad entrambi) e inserisce le sue due frecce giovani. Mettono in crisi con la rapidità le stanche fasce nerazzurre e al 80° complice l’ennesima disattenzione difensiva interista sono l’asse del gol vittoria.

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

Bonus di Benvenuto fino a 105€

Sisal Matchpoint

5€ Bonus Scommesse alla RegistrazioneFino a 350€ di Bonus

Riccardo Tanco

Informazioni sull'autore
Classe 1993, abito nella provincia di Milano. Tifoso dell'Inter. Giocatore preferito: Adriano
Tutti i post di Riccardo Tanco