PSG: Uefa apre inchiesta contro Neymar per insulti al Var

Guai in vista per Neymar. L’ esterno brasiliano, dopo l’ eliminazione riportata dal Psg contro il Manchester United in Champions League, si rese protagonista di un duro sfogo rivolto all’ arbitro Skomina e all’ assistente var Irrati sul proprio canale Instagram. Nonostante siano trascorsi svariati giorni, l’ Uefa non ha dimenticato le espressioni ingiuriose ed ha aperto un’ inchiesta nei suoi confronti.

A renderlo noto è stato il massimo organo calcistico europeo attraverso un comunicato pubblicato sul proprio sito ufficiale : “A seguito del ritorno degli ottavi di Champions fra PSG e Manchester United, è stato aperto un procedimento disciplinare nei confronti di Neymar Junior per atti offensivi o molesti nei confronti dell’arbitro. Violazione dell’articolo 15, comma D del regolamento Uefa”.  

In quell’ occasione il brasiliano utilizzò parole asprissime. A provocarne la rabbia vi fu l’ assegnazione di un rigore ai Red Devils causato da un fallo di mano di Kimpempe: “È una vergogna. Hanno messo 4 persone che non capiscono di calcio a guardare un movimento al rallenty davanti a una tv. Non c’è niente, come puo’ mettere le mani altrove?” Sarà la Commissione Etica e di disciplina dell’Uefa a valutare la gravità dell’ accaduto, ma non è ancora nota la data in cui si pronuncerà.