Provocazione? Milan, chi in panchina a Napoli: Bonera o Ibrahimovic allenatore?

Purtroppo anche il vice di Stefano Pioli, Giacomo Murelli è risultato positivo al Covid-19 (auguriamo ad entrambi gli auguri di una veloce e immediata guarigione). Ora però per il Milan c’è un problema imprevisto in vista della trasferta di Napoli. Chi andrà in panchina come allenatore?

Già si sono diffuse le prime ipotesi, c’è chi parla di Daniele Bonera che i milanisti conoscono molto bene in tutti i ruoli (prima calciatore per 9 anni, poi vice di Giampaolo e infine collaboratore di Stefano Pioli), chi di Davide Lucarelli (da 10 anni collaboratore di Stefano Pioli), chi invece addirittura, fa il nome di Federico Giunti, allenatore della primavera (anche lui con un passato da calciatore rossonero con un gol nel derby 0-6 del 2001).

Napoli-Milan, 8° giornata di Serie A

Ma spunta una nuova ipotesi, quasi provocatoria ma molto affascinante, Ibrahimovic nel ruolo di calciatore-allenatore. Lo svedese è il leader riconosciuto in campo da tutti i suoi compagni di squadra, la sua presenza si fa sempre sentire.

A livello mediatico ormai lo svedese viene quasi identificato con il soprannome di “Dio Zlatan“, soprannome con il quale anche egli stesso usa in maniera scherzosa (fino a che punto?) sui suoi social network. Da capire se una “divinità” come lui si accontenti di fare “il mister”.

C’è anche un’altra eventuale domanda da porsi, in caso lo svedese andasse bene, nell’eventuale rinnovo del contratto porrebbe anche la richiesta di uno stipendio anche da allenatore ? (in queste settimane addirittura molti addetti ai lavori non hanno escluso la possibilità che l’attaccante svedese possa decidere di intraprendere anche un giorno la carriera di allenatore).

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

Bonus di Benvenuto fino a 105€

Sisal Matchpoint

5€ Bonus Scommesse alla RegistrazioneFino a 350€ di Bonus

Luca Meringolo

Informazioni sull'autore
Laureato in Comunicazione e Dams, collaboratore di Klichè e StadioSport. Tifoso del Milan, ma sa riconoscere gli errori della sua squadra e loda anche gli avversari per i loro meriti. Obiettivo: giornalismo imparziale!
Tutti i post di Luca Meringolo