Oggi via libera alla Serie A: no partite alle 16:30 o 17

Oggi 28 maggio è il giorno decisivo per la ripresa della Serie A.
Alle 18:30 il ministro dello Sport Vincenzo Spadafora avrà una video conferenza con il Presidente della FIGC Gabriele Gravina ed il Presidente della Lega A Paolo Dal Pino.

Si deciderà il via al Campionato di Serie A 2019-2020 sospeso il 9 marzo scorso e al quale mancano 124 partite alla conclusione.
Le partite si giocheranno tutte d’un fiato con turni infrasettimanali dal 13 o 20 giugno a fine agosto in una vera e propria maratona per le squadre di Serie A.


C’è chi teme il rischio di infortuni o di contagi da coronavirus ma dichiarare chiuso il campionato di Serie A 2019-2020 provocherebbe ingenti danni economici ai Club e qualche squadra rischierebbe addirittura di non potersi iscrivere alla prossima stagione e ai calciatori verrebbero decurtati 4 mesi di stipendi ossia milioni di euro.

Proprio il Presidente della FIGC Gravina ha ribadito questo e vuole salvare ad ogni costo questa stagione e la Serie A e quindi è convinto che sia meglio giocare con tutte le cautele del caso.

Il via libera del Governo appare quindi scontato ma sulla data di ripresa ci sono ancora dei dubbi che dovrebbero essere sciolti nella conferenza di questo pomeriggio.

La Lega A vorrebbe ripartire prontamente il 13 giugno con i recuperi della 26° Giornata perchè lo slittamento della ripresa al 20 giugno potrebbe creare problemi con le date dei 3 match di Coppa Italia.

Si potrebbe decidere di ripartire anche direttamente con le semifinali di ritorno di Coppa Italia Juventus Milan e Napoli Inter e questo sarebbe una bella soddisfazione per Spadafora che invoca da marzo partite in chiaro e proprio la Tim Cup viene trasmessa dalla Rai in diretta tv.

C’è invece chi vorrebbe recuperare subito i 4 martch saltati della 26° Giornata e chi invece vorrebbe partire direttamente dalla 27° Giornata con 10 partite da spalmare in 3 giorni per poi recuperare le 4 rimanenti della 26° in seguito.

Inoltre ci sarà da discutere sugli orari in cui giocare le partite per venire incontro ai diritti televisivi di Sky, Dazn e Img.
La Lega aveva proposto 3 slot di orari: 16:30, 18:45 e 21:00 ma i calciatori si sono subito ribellati dicendo che è una follia giocare in estate alle 16:30 con quel caldo.
Quindi ora è al vaglio l’ipotesi 17:00, 19:15 e 21:00 ed in caso di problemi si potrebbero far slittare tutte le partite in avanti di un altra ora con l’ultimo match in programma alle 22:00.
In Spagna si giocano partite di Liga addirittura alle 23:00, orari però inediti per il nostro campionato di Serie A.

Il Vicepresidente del Sindacato dei calciatori (AIC) Umberto Calcagno ha ribadito il suo no alle partite alle 1630 o 17:00 quindi bisognerebbe rinunciare allo slot pomeridiano.
Inoltre il ministro Spadafora vorrebbe la Diretta Gol di Sky in chiaro magari sul digitale terrestre su TV8 e ci si potrebbe venire incontro in questo mandando in onda gli highlights.

Infine resta il nodo della quarantena imposta dall’emendamento del Comitato tecnico scientifico: “14 giorni di quarantena per la squadra in caso di positività al coronavirus”.
La Lega però vorrebbe mediare e trovare una soluzione diversa in quanto in tutti gli altri campionati europei come ad esempio Bundesliga che è già ripartita è prevista una quarantena individuale del caso positivo e non di gruppo e di soli 7 giorni.
Per come è adesso sarebbe un problema serio perché un caso di positività di un calciatore potrebbe buttare tutto all’aria.

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

Bonus di Benvenuto fino a 105€

Sisal Matchpoint

5€ Bonus Scommesse alla RegistrazioneFino a 350€ di Bonus

Carlo M.

Informazioni sull'autore
Responsabile editoriale, appassionato di Sport (Calcio - F1 - MotoGp)
Tutti i post di Carlo M.