NBA 2018/19, recap 9 novembre: Embiid salva i Sixers. Ok Pistons e Pacers. Sconfitte per Celtics e Nuggets

Nelle sette sfide andate in scena nella notte NBA non è mancato lo spettacolo così come le sorprese. Partiamo proprio da quest’ultimo punto, con i Brooklyn Nets che giocano un bello scherzetto ai lanciati Denver Nuggets, battuti davanti al pubblico amico del Pepsi Center. Eroe di serata per la squadra di coach Atkinson è ancora Caris LeVert, il quale non regala una prestazione da ricordare ai posteri (17+5 assist e 6/14 al tiro) ma tant’è, visto che mette il tiro della vittoria a 3 decimi di secondo dalla sirena. Russell (23) è il top-scorer nei Nets, mentre ai padroni di casa non basta un super Jokic (37+21 rimbalzi).

Un Joel Embiid da 42 punti e 18 rimbalzi conduce i Sixers ad una complicata vittoria all’overtime sugli Hornets (foto da: YouTube.com)

Quinto ko stagionale per i Boston Celtics, che cadono sul parquet della Vivint Smart Home Arena, casa degli Utah Jazz, sotto i colpi dei vari Ingles (27+7 assist), Mitchell (21), Crowder (20+6 rimbalzi) e Gobert (17+15 rimbalzi). Senza Irving, non sono abbastanza le prestazioni di Rozier (22+6 rimbalzi) e Tatum (21+5 rubate). Vittoria sul filo di lana, invece, per i Philadelphia 76ers, impegnati al Wells Fargo Center contro gli Charlotte Hornets. Serve un overtime ai ragazzi di coach Brown per avere la meglio sugli avversari, con Embiid sugli scudi (42+18 rimbalzi e 4 stoppate), supportato da Simmons (22+13 assist ed 8 rimbalzi) e da Saric (18+9 rimbalzi). Walker (30+9 assist e 7 rimbalzi) è al solito il migliore per Charlotte.

Alla pari con i Sixers, con un record di 8-5, ecco gli Indiana Pacers, corsari all’American Airlines Arena di Miami contro gli Heat. Un successo propiziato da un ottimo secondo tempo (59-43) e dal trio Oladipo (22+10 assist e 4 rubate)-Sabonis (17+11 rimbalzi)-Collison (17). Olynyk (20), Richardson (18+6 assist) e Whiteside (11+20 rimbalzi e 4 stoppate) non evitano il ko ai floridiani. Vittoria come da pronostico per i Detroit Pistons, che espugnano la State Farm Arena di Atlanta, sospinti da Drummond (23+11 rimbalzi e 4 stoppate) e Johnson (22+7 rimbalzi). Negli Hawks, il migliore è Lin (19).

Si acuisce la crisi dei Minnesota Timberwolves e dei Washington Wizards. Al Golden 1 Center di Sacramento, la squadra di coach Thibodeau incappa nel 5° ko consecutivo. Contro i Kings (in evidenza Cauley-Stein (25), Shumpert (17), Fox (16+10 assist) e Hield (15+10 rimbalzi)) non bastano Towns (39+19 rimbalzi) e Rose (21+6 rimbalzi). Per quanto riguarda gli Wizards, infine, all’Amway Center di Orlando contro i Magic arriva la 9° sconfitta in 11 partite. Inutili le prestazioni di Beal (27+6 assist), Wall (19+12 assist e 7 rimbalzi) ed Oubre Jr. (19), mentre per i padroni di casa in evidenza Vucevic (21+14 rimbalzi) e Gordon (20+7 rimbalzi).

Di seguito, il riepilogo della notte:

WASHINGTON WIZARDS (2-9) @ ORLANDO MAGIC (5-7) 108-117

CHARLOTTE HORNETS (6-6) @ PHILADELPHIA 76ERS (8-5) 132-133 OT

DETROIT PISTONS (6-5) @ ATLANTA HAWKS (3-9) 124-109

INDIANA PACERS (8-5) @ MIAMI HEAT (5-6) 110-102

BROOKLYN NETS (6-6) @ DENVER NUGGETS (9-3) 112-110

BOSTON CELTICS (7-5) @ UTAH JAZZ (6-6) 115-123

MINNESOTA TIMBERWOLVES (4-9) @ SACRAMENTO KINGS (7-5) 110-121

*Tra parentesi, i record delle varie squadre.

 

Gianluca Zippo

Informazioni sull'autore
Laureato in Giurisprudenza alla Federico II di Napoli. Malato di Formula 1 e calcio, seguo anche la MotoGP e la NBA.
Tutti i post di Gianluca Zippo