NBA 2017/18, recap 6 Novembre: Boston suona la nona. Bene anche Warriors e Nets

Notte NBA caratterizzata da appena tre partite in tabellone. Volano i Boston Celtics che, alla Philips Arena di Atlanta, colgono contro gli Hawks la nona vittoria consecutiva. Atlanta, reduce dalla vittoriosa trasferta di Cleveland, rende però la vita difficile ai ragazzi di coach Stevens, i quali sembrano operare lo scatto decisivo ad inizio quarto periodo, quando toccano il +10 (87-77). I locali non mollano e, a 5’27” dal termine, passano a condurre con una tripla di Bazemore (95-96). Delaney, a poco più di 2′ dalla sirena, porta i suoi sul +2 (101-103); ma il finale è dei Celtics, con un break di 9-4 caratterizzato dalle triple di Irving e Tatum. Proprio questi due sono i trascinatori di Boston, mettendo a referto rispettivamente 35+7 assist l’ex Cavs e 21+8 rimbalzi il rookie. Ad Atlanta non bastano Schroder (23+6 assist), Dedmon (19+12 rimbalzi) e Belinelli (19 con 6/10 dal campo, 3 assist e 3 rubate).

Mettendo a referto 35 punti, Kyrie Irving ha trascinato i Boston Celtics al successo sul campo degli Atlanta Hawks, nona vittoria di fila per la squadra di coach Stevens (foto da: dailystarph.com)

Prosegue senza intoppi la risalita dei Golden State Warriors che, alla Oracle Arena, battono i Miami Heat e ottengono la settima vittoria nelle ultime otto. In un match dal punteggio basso per gli standard dei californiani (36.8% dal campo e 34.4% da tre), i ragazzi di Steve Kerr cominciano a costruire la vittoria nel finale di secondo quarto, quando vanno negli spogliatoi sul 37-50. Quindi la forbice tra le due squadre si allarga prima sul +20 (40-60 dopo 2’05” di gioco nel terzo periodo), quindi fino al massimo vantaggio di +21 (57-78, dopo 1’30” di gioco nel quarto conclusivo). Kevin Durant (21+8 rimbalzi e 6 assist) e Draymond Green (18+9 rimbalzi) sono i migliori per Golden State; dall’altra parte, per gli Heat spiccano James Johnson (21+9 rimbalzi e 6 assist, uscendo dalla panchina) e Goran Dragic (19).

Dopo quattro sconfitte di fila, tornano al successo i Brooklyn Nets, vittoriosi sul parquet della Talking Stick Resort Arena di Phoenix, casa dei Suns. Cominciano bene gli ospiti, avanti di 15 dopo 2’12” dal via del secondo quarto (34-19); dopo aver respinto un primo tentativo di rientro dei padroni di casa, in apertura di terzo periodo i Nets toccano nuovamente la doppia cifra di vantaggio (53-43 dopo 2’26” di gioco). Phoenix resta in partita e, a poco più di 9′ dalla fine, passa avanti con un layup di Dudley (74-75). La replica di Brooklyn provoca un parziale di 12-4 (86-79 a 6’48” dalla sirena), che si rivela decisivo, poichè i Suns non riusciranno più a ricucire lo strappo. D’Angelo Russell (23+8 assist e 6 rimbalzi) è il top-scorer ospite, ben assistito da Joe Harris (18). T.J. Warren (20+9 rimbalzi) e Devin Booker (18 con 6/15 dal campo) non sono sufficienti a Phoenix.

Di seguito, il riepilogo dei risultati della notte:

BOSTON CELTICS (9-2) @ ATLANTA HAWKS (2-9) 110-107

BROOKLYN NETS (4-6) @ PHOENIX SUNS (4-7) 98-92

MIAMI HEAT (4-6) @ GOLDEN STATE WARRIORS (8-3) 80-97

*Tra parentesi, i record delle varie squadre.

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

Bonus di Benvenuto fino a 105€

Sisal Matchpoint

5€ Bonus Scommesse alla RegistrazioneFino a 350€ di Bonus

Gianluca Zippo

Informazioni sull'autore
Laureato in Giurisprudenza alla Federico II di Napoli. Malato di Formula 1 e calcio, seguo anche la MotoGP e la NBA.
Tutti i post di Gianluca Zippo