MotoGP, Puig e Kuwata: “La gestione di Marquez e Lorenzo rappresenta una bella sfida”

Giornata di presentazione in casa Honda HRC, svelando la nuova arma che, in questo 2019, sarà affidata a Marc Marquez e a Jorge Lorenzo, neo arrivato dalla Ducati. Lo spagnolo, però, salterà i test di Sepang (dove sarà sostituito da Stefan Bradl), a causa dell’infortunio alla mano sinistra, che ne mette in forse anche la partecipazione ai test di Losail. Con anche Marquez ancora convalescente dopo l’operazione alla spalla sinistra d’inizio Dicembre, la condizione dei piloti Honda non è eccelsa.

Marc Marquez e Jorge Lorenzo, durante la presentazione del team HRC per la stagione 2019 del Motomondiale (foto da: twitter.com/HRC_MotoGP)

A parlarne è Alberto Puig, team manager HRC: “Tutti noi sappiamo che le cose accadono in modo imprevisto, come successo a Jorge. Quest’infortunio sconvolge alquanto i nostri piani, perché non sarà in grado di andare al test di Sepang, mentre Marc non testerà al cento per cento. Ciò però non fermerà lo sviluppo. Di certo Yamaha e Ducati saranno più in forma di noi“.

Già a Valencia e Jerez Jorge non era al top, a causa degli infortuni patiti tra Aragon e Buriram: “Non ha potuto dare una valutazione super-chiara, ma la cosa più importante è quello che dice, e lui era felice. Ha avuto buone sensazioni con la moto e dobbiamo fidarci di quello che dice“, ha aggiunto Puig.

Il focus, quindi, passa su quello che sarà il grande tema di questo 2019, ovvero la gestione di quello che si preannuncia essere un vero e proprio Dream Team. Puig non ha dubbi: “L’obiettivo è avere piloti di spicco per vincere e offrire una buona immagine, non è una partita a scacchi. Vero, ciò comporta qualche rischio; ma i due piloti sono adulti, con una testa molto strutturata e sanno cosa vogliono“.

Ognuno combatte per i propri sogni, capendo che siamo una squadra e cercheremo di fare il massimo per vincere. I nostri rivali si aspettano che sbaglieremo, ma non dovrebbe accadere. Non ci sarà una prima guida tra Marc e Jorge. Entrambi proveranno a vincere il titolo“, conclude il team manager HRC.

Sullo stesso argomento si è espresso anche Tetsuhiro Kuwata, direttore HRC: “Non sarà facile gestirli, ma non ho dubbi sul fatto che ci riusciremo. Questo perché parliamo di due professionisti; quindi, alla Honda piacciono le sfide. Quella che ci attende sarà dura, ma ne usciremo più forti“.

L’arrivo di Lorenzo non cambierà di una virgola, secondo Kuwata, il modo di lavorare nel team: “Non abbiamo alcun bisogno di cambiare approccio. Già nelle stagioni passate avevamo due piloti con esigenze diverse, e mi sembra che abbiamo lavorato al meglio per soddisfare entrambi. Noi dobbiamo solo fornire ad entrambi una buona moto; se poi a Jorge servirà qualcosa di diverso, noi gliela daremo, pur senza cambiare approccio“.

Migliori Bookmakers AAMS

FASTBET

5€ alla Registrazione + 100%  sul Primo Deposito +10% di Cashback

Eurobet

10€ Bonus Scommesse al Deposito

SISAL

5€ Bonus Scommesse alla RegistrazioneFino a 350€ di Bonus

Gianluca Zippo

Informazioni sull'autore
Laureato in Giurisprudenza alla Federico II di Napoli. Malato di Formula 1 e calcio, seguo anche la MotoGP e la NBA.
Tutti i post di Gianluca Zippo