Morte Davide Astori: condannato a un anno di reclusione il dottor Giorgio Galanti

A tre anni dal decesso, la morte dell’ex capitano viola sembra avere un responsabile: è il medico sportivo Giorgio Galanti, accusato di averne decretato l’idoneità all’attività sportiva senza svolgere i dovuti accertamenti.

La morte di Davide Astori pare avere un responsabile: a tre anni dal decesso, avvenuto il 4 marzo del 2018 in un hotel di Udine per via di un arresto cardiaco, il tribunale di Firenze ha condannato il medico sportivo Giorgio Galanti a un anno di reclusione, oltre al pagamento di un milione di risarcimento a beneficio di Francesca Ferretti, compagna del defunto calciatore, e della figlia Vittoria.

Secondo la Procura di Firenze Galanti, che aveva in cura Astori, sarebbe il principale responsabile del decesso del ragazzo in quanto ne avrebbe decretato l’idoneità a svolgere l’attività sportiva agonistica, nonostante lo stesso soffrisse di una malformazione cardiaca, tale da precludergli la possibilità di una carriera agonistica.

Una perizia effettuata da medici incaricati dalla Procura ha evidenziato che “i certificati di idoneità vennero rilasciati nonostante fossero emerse, nelle rispettive prove da sforzo, aritmie cardiache che avrebbero dovuto indurre i medici a effettuare accertamenti diagnostici più approfonditi al fine di escludere una cardiopatia organica o una sindrome aritmogena”.

Fonte immagine: Fcinter1908.it

Il pubblico ministero Antonino Nastasi, che imputa a Galanti il reato di violazione dei protocolli cardiologici per il giudizio di idoneità allo sport agonistico, aveva inizialmente richiesto una pena detentiva pari a 18 mesi. Astori poteva essere salvato. La patologia che lo ha colpito (miocardia è la stessa che stroncò Piermario Morosini durante un Pescara-Livorno del 14 aprile 2012. Due campioni accomunati dallo stesso, tragico, destino.

La difesa del Garlando, rappresentata dall’avvocato Sigfrido Feynes, ha negato qualsiasi tipo di responsabilità da parte del proprio assistito, che avrebbe anzi agito in modo ineccepibile. Per questo, la difesa ha annunciato che impugnerà la sentenza. Il caso Astori dovrà attendere dunque almeno un altro grado di giudizio.

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

Bonus di Benvenuto fino a 105€

Sisal Matchpoint

5€ Bonus Scommesse alla RegistrazioneFino a 350€ di Bonus