Milan-Frosinone, le dichiarazione della vigilia di Gennaro Gattuso:”Non siamo i padroni del nostro destino. Quinto posto? Non sarebbe un fallimento”

Vi riportiamo alcune dichiarazioni rilasciate dal tecnico rossonero alla vigilia della sfida contro la formazione ciociara.

gattuso

Sperare nel quarto posto-“Siamo padroni del nostro orgoglio, non del nostro destino, ma del nostro orgoglio. Non sprechiamo energie a pensare altri altri, pensiamo solo a Milan-Frosinone”

Rammarico per le occasioni sprecate- “Abbiamo sbagliato e perso punti per strada, l’Atalanta non si è fermata e hanno continuato. Ci abbiamo messo del nostro, ma è una squadra che sa fare un calcio che in pochi fanno”.

Il suo futuro- “Abbiamo messo tutto da parte, la priorità è solo il campo”.

Il rapporto con Leonardo- “Venite qui per farmi arrabbiare o cosa? Sono solo cose che scrivete voi per riempire pagine dei giornali, sono cose che vi inventate voi. A livello umano sto bene con Leonardo, non ho problemi con Leo”.

L’astinenza da goal di Piatek- “Deve pensare al bene della squadra, e non pensare solo al suo orticello. Il gol arriverà”. 

Suso ritrovato-“Ha fatto 10 assist in campionato, era da anni che non si vedevano 10 assist nella stessa stagione al Milan. E’ un giocatore molto importante per noi”.

Senza Champions- “Non sarebbe un fallimento, ora c’è solo il rammarico per i punti persi. Allora Roma e Lazio cosa devono dire? Facciamo il massimo e poi dopo vediamo. Stiamo facendo il campionato che dovevamo fare, abbiamo fatto più punti nell’era post Allegri. Qui sembra che siamo ottavi o decimi”.

L’ultima a San Siro di Abate-“Non è stata una sorpresa, quando è venuto qui era un ragazzino, ogni giorno lo battezzavo a schiaffoni, mi ha dato tanto. Mi dispiace tanto per Abate perchè è stato un valore aggiunto per me e per tutto il mio staff”.

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

Bonus di Benvenuto fino a 105€

Sisal Matchpoint

5€ Bonus Scommesse alla RegistrazioneFino a 350€ di Bonus