Milan-Cagliari 4-1, le dichiarazioni post partita di Stefano Pioli: “Bisogna giocare sempre con questo entusiasmo. Tonali, Krunic e Leao sono maturati tanto”

Dopo il 4-1 rifilato al Cagliari, Stefano Pioli, allenatore del Milan, ha parlato in conferenza stampa dell’ottima prestazione offerta dalla sua squadra contro i sardi. Il tecnico parmigiano ha parlato anche di mercato e della maturazione di giocatori chiave come Tonali, Krunic e Rafael Leao.

La bella e convincente vittoria per 4-1 sul Cagliari di Leonardo Semplici, messa in archivio già nel primo tempo, ha fatto vedere un Milan perfetto che dopo due giornate di campionato occupa a punteggio pieno, insieme a Lazio, Inter, Napoli e Roma, il primo posto in classifica in Serie A.

Milan-Cagliari: dichiarazioni post partita Stefano Pioli.
Così Stefano Pioli nel post partita di Milan-Cagliari 4-1.

I rossoneri, come detto, hanno chiuso la pratica Cagliari già nel primo grazie alle reti di Tonali su calcio di punizione, Leao (in società con Brahiam Diaz) e Giroud, autore di una doppietta. Un Milan fresco e spumeggiante che ha ovviamente soddisfatto il proprio allenatore Stefano Pioli che, nella consueta conferenza post partita, ha espresso tutto il suo entusiasmo per quanto fatto dai suoi contro i sardi:

La squadra ha giocato con intensità e qualità. Dobbiamo sempre scendere in campo con questo entusiasmo. Li riconosco tutti come titolari, faccio fatica a fare le scelte quest’anno. Arriveranno forse un paio di giocatori e ci manca gente importante, ma già così sono in difficoltà nella scelta degli undici da mandare in campo.

Ponendo poi la lente d’ingrandimento sulle ottime prestazioni di Tonali, Krunic e Leao, il tecnico del Diavolo ha detto:

Sandro ha lavorato tanto: lui, Leao e Krunic sono tutti maturati. Hanno capito che hanno un grande futuro. Tonali ha tutto: gamba, qualità, posizione e verticalizzazioni. Leao? Farà un’ottima stagione, la sua crescita è evidente.

Pioli ha quindi concluso la sua chiacchierata coi giornalisti parlando dell’eventualità futura di schierare insieme dall’inizio Giroud e Ibrahimovic:

Non ci tireremo indietro se ci sarà possibilità di schierare le due punte e se ci sarà la condizione. Sono i concetti e le idee che fanno la differenza, non il modulo. Spero di recuperare il prima possibile giocatori forti come Ibrahimovic e Kessié. E aspettiamo la firma di Bakayoko. Dopo la sosta ci aspettano 7 partite in 20 giorni e dobbiamo farci trovare pronti.

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

Bonus di Benvenuto fino a 105€

Nicola Patrissi

Informazioni sull'autore
Maturità scientifica. Laurea in Lettere e Filosofia (Indirizzo moderno). Appassionato di scrittura, fotografia e calcio.
Tutti i post di Nicola Patrissi