Milan-Atalanta, Dichiarazioni pre partita Pioli: “Preoccupato dai pochi cambi in difesa”

Nonostante grazie alla vittoria con il Sassuolo sia arrivata l’Europa, Stefano Pioli non vuole abbassare la concentrazione in vista del match con l’Atalanta di Giampiero Gasperini.

Il tecnico rossonero riconosce la forza dell’avversario di domani, ma ammette che i suoi vogliono provare a fare una grande partita. L’ex allenatore di Lazio e Inter si dice preoccupato per le assenze in difesa: “Mi preoccupa un po’ avere pochi cambi in panchina dietro”.

Fra le assenze ci sarà pure quella di Theo Hernandez: “Theo ha caratteristiche importanti per noi, abbina una grande partecipazione alla fase offensiva a una grande fisicità in quella difensiva. Non sarà l’unica assenza, ma Laxalt ha fatto bene contro il Sassuolo”.

Il tecnico rossonero vuole dare merito ai suoi ragazzi per i risultati ottenuti e ai suoi detrattori risponde così: “Con i tifosi allo stadio saremmo ancora più forti, loro ci hanno sostenuto nelle difficoltà. Non è facile aiutarci quando la classifica non rispecchia il blasone del club, non vedo l’ora di avere tutti i nostri tifosi. In undici siamo forti, ma in 12 ancora di più”.

Riconosce i meriti di Gasperini e della sua squadra: “Ha una continuità incredibile. Hanno un modo di stare in campo propositivo e aggressivo e lo mantengono per 95′. Segna tanto, ha un grande attacco. Ho grande ammirazione per il lavoro di Gasperini. Noi dobbiamo continuare a lavorare”.

Stefano Pioli si espone anche sull’eventuale rinnovo di Zlatan Ibrahimovic, ammettendo che lo svedese ha avuto un impatto importante, ma che della sua eventuale permanenza se ne discuterà dopo il 2 Agosto con calma.

In chiusura ci dice: “La cosa più importante è la continuità e da proprio da questo bisogna ripartire”.

Migliori Bookmakers AAMS

FASTBET

5€ alla Registrazione + 100%  sul Primo Deposito +10% di Cashback

Eurobet

10€ Bonus Scommesse al Deposito

SISAL

5€ Bonus Scommesse alla RegistrazioneFino a 350€ di Bonus

Luca Meringolo

Informazioni sull'autore
Laureato in Comunicazione e Dams, collaboratore di Klichè e StadioSport. Tifoso del Milan, ma sa riconoscere gli errori della sua squadra e loda anche gli avversari per i loro meriti. Obiettivo: giornalismo imparziale!
Tutti i post di Luca Meringolo