Moto Gp, Gp di Germania 2018, dichiarazioni di Lorenzo e Dovizioso dopo le prove

Terza giornata del Gp di Germania 2018, in cui si sono svolte le prove ufficiali.

Jorge Lorenzo, suo il miglior tempo nelle prove libere del Gp di Germania 2018.
Fonte: Twitter MotoGP

I due piloti della Ducati si possono dire abbastanza soddisfatti, più Jorge Lorenzo che il suo compagno di squadra Dovizioso. Infatti il pilota spagnolo è riuscito a terminare in terza posizione a mezzo decimo di distanza dal leader Marquez. Ma non tutto è andato come avrebbe voluto, ci sono state delle scorrettezze che non ha esitato a rimarcare.

Infatti si è lamentato soprattutto di come Danilo Petrucci, terminato davanti a lui per 32 millesimi, abbia agito in maniera scorretta, sfruttando la scia del pilota di Palma di Maiorca. Ha tenuto a sottolineare come senza questa scorrettezza evidente, sarebbe stato lui secondo dietro a Marquez. 

Non gli è bastato ricevere le scuse del pilota italiano, sono azioni che non si dovrebbero vedere in pista. Doverosamente ha precisato come in competizioni del genere ognuno dovrebbe cercare di fare la sua strada, senza aspettare qualcuno più veloce che possa dargli la scia. Ma purtroppo ha sottolineato come queste azioni non siano considerate illegali, ma si possono compiere senza incorrere in penalizzazioni. 

E’ contento della prestazione, ma un po’ rammaricato riguardo alla sbavatura nell’ultima curva in accelerazione. Senza quel errore sarebbe stato davanti e questo è molto positivo per la gara di domani. La Ducati è molto competitiva,  la scelta delle gomme sarà determinante per il risultato di domani.

Andrea Dovizioso, in bagarre con Marc Marquez durante la gara di domenica in Olanda (foto da: motogp.com)

Il suo compagno di squadra Dovizioso si è dimostrato contento e positivo per il Gp di Germania di domani. C’è un grande equilibrio e sono tutti al limite. Hanno cambiato diversi set-up durante le prove, ma non sono riusciti a capirci molto, visto che il grip cala e diventa difficile avere dei feedback precisi.

Torna a parlare del problema numero uno, ovvero quello delle gomme. Nessuno sa veramente quanto possono forzare con esse, quando è possibile che si verifichi un calo istantaneo. Ma, comunque, la base è buona e su questo auspicio spera di fare bene.

 

 

Lorenzo Carrega

Informazioni sull'autore
Giornalista Pubblicista. Esperienze in ambito giornalistico locale, non solo di sport, ma anche di cultura e tempo libero. La scrittura è la mia passione
Tutti i post di Lorenzo Carrega