Lipsia e Hoffenheim, tanto simili ma tanto distanti

Una volta si chiamavano “Germania dell’Est” e “Germania dell’Ovest”. Se fosse ancora in piedi il Muro di Berlino, giocherebbero in due campionati diversi. Lipsia e Hoffenheim sono distanti tra loro quasi 500 chilometri. Eppure c’è un dato che le accomuna e le rende molto più vicine di quanto non lo siano a livello geografico: dopo le prime tredici giornate di Bundesliga, sono le uniche due squadre a non aver ancora perso la propria imbattibilità.

bundesliga-logo

La capolista, con il successo per 2-1 ai danni dello Schalke, ha confermato il proprio impronosticabile primato, conservando le tre lunghezze di vantaggio sui campioni in carica del Bayern Monaco. E nel prossimo turno saranno di scena sul campo dell’Ingolstadt, fanalino di coda con appena sei punti e una sola vittoria messa a referto.

I biancazzurri, dal canto loro, hanno fin qui ottenuto bottino pieno in sei circostanze, oltre a sette pareggi. Nell’ultima giornata, dopo tre pareggi di fila, hanno rifilato un netto 4-0 al Colonia, altra pretendente alla zona Champions. Il quarto posto, numeri alla mano, non rende giustizia. Ma sapere di essere una delle due compagini a non essere ancora uscita sconfitta dal terreno di gioco è di sicuro motivo di grande orgoglio.