Juventus-Sampdoria 3-0, voti/analisi: buona la prima per Pirlo, Kulusevski, McKennie e Frabotta, CR7 sempre sul pezzo

Alla 1^ giornata della Serie A TIM 2020/2021 bella vittoria della Juventus che allo Stadium batte 3-0 la Sampdoria

Buona la prima della nuova Juve di Andrea Pirlo.

Buona la prima ufficiale da allenatore per l’ex regista.

Buone le prime per i nuovi acquisti Kulusevski e McKennie e per l’Under 23 Frabotta, quest’ultimo lanciato a sorpresa da Pirlo, audacia ben ripagata.

E non è l’unica novità di questa Juve rinnovata.

Si comincia con l’11 di partenza, non più difesa a 4 e tridente offensivo, bensì 3-4-1-2, con Ramsey lanciato come trequartista, altra mossa azzeccata, e Kulusevski in coppia d’attacco con Cristiano Ronaldo.

Tutte mosse rivelatesi vincenti.

L’intesa fra lo svedese e CR7, già evidenziatasi nell’amichevole contro il Novara e prima ancora, in qualche modo, ‘promessa’ dal portoghese al giovane collega, è già innegabile.

Il portoghese, sempre sul pezzo e sempre al centro delle trame offensive bianconere, costruisce e fa come sempre tanto sacrificio, lo svedese rifinisce, così accade al 12′ con il gol che sblocca le marcature.

Il 1° gol ufficiale in stagione per i bianconeri arriva, emblematicamente, proprio dal 20enne svedese, su cui la Juve punta moltissimo, avendolo bloccato già a Gennaio 2020.

L’ex Parma ed ex tesserato con l’Atalanta infila un bel colpo di biliardo, si direbbe anche una ciabattata, con l’interno sinistro, a risolvere un pallone vagante al limite dell’area proprio dopo un incursione di Ronaldo.

Splendide sorprese per i sopra citati McKennie e Frabotta, entrambi debuttanti assoluti in bianconero – nello specifico lo statunitense alla sua prima assoluta nel calcio italiano, il secondo alla sua prima con la squadra dei ‘grandi’ della Juve, ma già bianconero nel settore U-23.

Il mediano a stelle e strisce sembra già essersi integrato con le dinamiche del calcio italiano e con ciò che rappresenta il duro ruolo del mediano in Serie A.

Tanta attenzione e tanto lavoro in fase di interdizione e ripartenza.

Sulla fascia sinistra invece in evidenza appunto Frabotta, davvero una grande rivelazione questo giovane classe 1999, già personalità da veterano.

Onore delle armi alla Samp del grande ex Claudio Ranieri, autrice, al di là del pesante passivo, di un buon match, specie nella ripresa, in cui avrebbe meritato almeno un gol.

Voti e pagelle

Cristiano Ronaldo, voto 7.5

Al centro praticamente di ogni trama offensiva bianconera. Anche perché è spesso lui a costruirle. L’intesa con Kulusevki è l’ennesima promessa mantenuta della sua carriera. E un gol alla fine se lo merita.

Si chiacchiera tanto di un suo futuro lontano dalla Juve. Ma a vederlo sul campo, sembra avere più che mai voglia di bianconero. Totem indiscutibile.

Kulusevki, voto 7

Davvero buona la sua prima ufficiale da bianconero. Condita con il primo gol, un preziosismo di interno sinistro.

E una intesa con CR7 che per lui può essere un grande maestro, data anche la grande differenza di età.

Si dice che chi ben comincia è a metà dell’opera. Ebbene, vale per lo svedese.

Ramsey, voto 7

Era stato provato in tutte le salse. Ebbene, da trequartista il gallese sembra aver trovato il suo vero nord. Non possiamo che augurarglielo.

McKennie, voto 6.5

E’ stata giornata di debutti, e quello dello statunitense con il calcio italiano è stato notevole.

Il primo giocatore a stelle e strisce della storia della Juve dimostra già di aver compreso le dinamiche del calcio italiano.

Si muove già da mediano puro, come se avesse già esperienza pregressa in massima serie. Grande inizio anche per lui.

Frabotta, voto 6.5

Splendida prima volta anche per questo giovanotto dell’Under 23.

Giovane ma coraggioso, scende più volte sulla fascia sinistra e cerca anche il gol.

Se verrà coltivato bene, ha un gran futuro.

Bonucci, voto 6

Il voto deriva quasi esclusivamente dal gol del momentaneo 2-0. Per il resto non è una serata di gran lavoro per lui.

Pirlo, voto 7.5

Scelte audaci, insidiose, anche irriverenti, ma quanto mai azzeccate.

Dal cambio di modulo, dal 4-3-3 allegriano prima e sarriano poi, al suo 3-5-2, che poi diventa 3-4-1-2, con la grande intuizione di Ramsey dietro le punte.

Oltre al giovane ma promettente Frabotta, e a Kulusevski subito punta anziché esterno di centrocampo o di un tridente offensivo.

Insomma, sconvolgimenti totali che sembrerebbero follie, ma Pirlo non ha paura di attuarle, seppur sia naturalmente sotto esame, alla sua prima esperienza da allenatore in un club che chiede di continuare a vincere per il 10° anno di fila.

Coraggio, audacia, personalità, spirito di guida e controllo della sua squadra, senza alzare troppo la voce, da grande leader silenzioso quale sa essere.

Anche per lui, l’inizio non è niente male. Ad maiora !

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

Bonus di Benvenuto fino a 105€

Sisal Matchpoint

5€ Bonus Scommesse alla RegistrazioneFino a 350€ di Bonus

Salvatore Sabato

Informazioni sull'autore
Laureando in chimica industriale. Da sempre devoto alla cultura e al sapere. In generale, sapere, qualunque cosa, ritengo sia sempre importante. Una grande passione per il giornalismo. Anche - ma non solo - sportivo. Fiero di collaborare ormai da tempo a questo progetto.
Tutti i post di Salvatore Sabato