Juventus-Malmoe, Allegri: “Chiudere bene il girone per poi pensare al campionato”

Massimiliano Allegri e Adrien Rabiot parlano alla vigilia di Juventus-Malmoe, ultima gara del girone H di Champions League. I bianconeri, già qualificati, hanno ancora chances di finire primi.

Chiudere bene il girone di Champions e poi pensare al campionato: il concetto espresso da Massimiliano Allegri alla vigilia di Juventus-Malmoe, ultima gara del gruppo H di Champions League è piuttosto chiaro. Quella di domani è una partita da non sbagliare in alcun modo. La Juventus gioca in casa, davanti al proprio pubblico, e non ha intenzione di fare brutte figure.

Inoltre, c’è ancora l’ipotesi primo posto da tenere in considerazione: se la Juve batte il Malmoe, e il Chelsea perde punti con lo Zenit, Dybala e compagni vincono il girone e possono sperare in un sorteggio più agevole.

“Finiamo questo turno, penseremo al campionato per un paio di mesi e ci ritufferemo nella Champions. – afferma il mister toscano in conferenza stampa – Vedremo chi ci tocca e poi giocheremo. A parte Bayern, City e Liverpool, le tre candidate con Real e Psg a vincere, sono le prime in classifica. Poi ci vuole fortuna. Magari arrivi primo e prendi il Psg. Ci sono troppe combinazioni. Importante aver passato il turno, poi vedremo“.

Passando alla partita di domani – “Domani nevicherà, non è che ci tirano le bombe. Giocheremo anche sotto la neve. L’importante è giocare bene e vincere, sennò corriamo lo stesso e andiamo incontro a infortuni. Domani dev’essere una bella partita, una bella sera e dovrà arrivare una bella vittoria“.

Sarà l’occasione di vedere diversi giocatori all’opera, primo fra tutti Dybala – “Dybala dovrebbe giocare. Domani dovrebbe essere della partita. Inutile farlo riposare. È stato fuori a lungo e ha bisogno di giocare”.

Della gara dovrebbero essere anche Perin, Rugani, Alex Sandro e Rabiot, mentre “Vedremo come sta Kean, che ha rimediato una botta domenica. Bonucci? Sta bene come tutti i difensori, così come Arthur, che domani potrebbe scendere in campo. Con Kulusevski fuori abbiamo solo Bernardeschi come esterno e non abbiamo esterni di ruolo. Poi deciderò del numero di centrocampisti”.

Proprio su Kulusevski, operato oggi di sinusite, Allegri ha voluto spendere due parole: “Non parlo di mercato. L’abbiamo tenuto fuori perché non stava bene. Dispiace non averlo a disposizione, ma lo avremo lunedì prossimo”.

Il modulo continuerà ad essere il 4-2-3-1?Siamo più ordinati. Ci dividiamo meglio per il campo. Non è detto che continueremo così, dipende dalla disponibilità dei giocatori. Domani non abbiamo esterni di ruolo, bisogna fare di necessità virtù. Vedremo domani poi da giovedì penseremo alle ultime di campionato“.

La squadra arriva comunque serena a questo appuntamento: “Quando si vince si sta meglio, ci alleniamo meglio, siamo più sereni. Giochiamo e ci alleniamo per vincere le partite. E quando vinciamo le partite, ti dà serenità nel prosieguo del lavoro. E’ la cosa più importante“.

Parla Rabiot Nel corso della conferenza stampa è intervenuto anche Adrien Rabiot: “Domani sarà importante vincere per prendere il primo posto nel girone. Il Malmoe è una buona squadra con ottimi giocatori. So che recentemente hanno vinto il campionato e ci terranno a fare bene. Tocca a noi disputare una bella partita”.

Immagine
Allegri e Rabiot nella conferenza pre Juventus-Malmoe

Per vincere, però, c’è bisogno dell’apporto di tutti. Lo sa bene Rabiot, che coglie l’occasione per fare autocritica:Questa stagione non ho ancora segnato. Ne ho parlato con il mister: devo segnare di più e fare anche più assist. Penso anche io di avere ancora margini e so di poter migliorare. Sono giovane. Qui in Italia sono cresciuto molto. Ho fatto cose positive altre meno, ma penso di essere maturato soprattutto dal punto di vista tattico. Qui in Italia si gioca un calcio diverso da quello francese. Sono contento e devo continuare a lavorare”.

Sui fischi ricevuti contro il Genoa – “Non mi fanno male: sono un professionista che gioca da dieci anni e accetto anche questo aspetto. Devo lavorare, concentrarmi sul campo e aiutare la squadra, per cambiare anche questa situazione”.

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

Bonus di Benvenuto fino a 105€