Juventus, 4° double consecutivo: rivoluzione con o senza Allegri oppure solo qualche ritocco?

La storia è stata scritta. Quarto scudetto consecutivo, quarta Coppa Italia consecutiva e uno strapotere destinato (forse) a durare ancora per qualche anno. Dopo questo ennesimo record, rimane soltanto una domanda: che ne sarà di questa Juventus?

Le risposte sono molteplici e ieri sera Allegri, alle domande un po’ irriverenti di Sconcerti che parlava di ciclo finito e di squadra che inizia un po’ a scricchiolare, ha perso la pazienza.

Allegri è convinto che questa squadra possa dare ancora molto e se quest’anno non è stata la solita Juventus schiacciasassi, parte del merito è da ridistribuire alle avversarie (soprattutto il Napoli) che hanno disputato un’annata esaltante e che hanno messo in seria difficoltà il primato dei bianconeri.

Il quarto doblete è impreziosito da due finali di Champions League (perse con Real Madrid e Barcellona) e due eliminazioni all’ultimo secondo ai quarti di finale (con Bayern Monaco e Real Madrid).

Fonte immagine: Facebook

Difficile che la Juventus possa privarsi di Allegri, che al momento senza dubbio è uno dei migliori allenatori in circolazione. Servirà soltanto rinforzare la rosa nei reparti dove l’età sta avanzando. Buffon è giunto al termine della sua carriera e sul viale del tramonto ci sono Chiellini, Lichtsteiner, Barzagli. I giocatori che hanno scritto la storia della Juventus e che ora si apprestano ad appendere le scarpe al chiodo. Benatia, Rugani e Caldara cercheranno di non farli rimpiangere…