Italia, verso la Svezia: San Siro va verso il tutto esaurito

65 mila i biglietti venduti finora per il match di ritorno fra Italia e Svezia in programma lunedì 13 novembre (ore 20:45). San Siro viaggia verso il tutto esaurito. 

“Sono circa 65.000 i biglietti venduti per il ritorno del play off Mondiale con la Svezia, in programma lunedì allo stadio ‘Giuseppe Meazza’. Non sono attualmente disponibili tagliandi per assistere al match. In attesa di definire gli allestimenti televisivi e commerciali, un’esigua quota residuale di biglietti potrebbe essere messa in vendita nei prossimi giorni dalla Federazione attraverso i consueti canali.” Questo il comunicato ufficiale della FIGC sul proprio sito. 

Vera e propria febbre Mondiale a Milano, per un Italia che non può permettersi di restare fuori da questa competizione. I tifosi ci sono, la convinzione dei calciatori e dello staff anche, almeno questo è quanto si evince dalle ultime dichiarazioni di Ventura e Florenzi. Il CT azzurro, nella conferenza stampa di ieri, si è detto orgoglioso dell’affetto che i tifosi azzurri sono pronti a trasmettere alla propria nazionale, azzardando una promessa:“Non li deluderemo”. Il terzino giallorosso, invece, quest’oggi ha rilasciato dichiarazioni letteralmente eclatanti.“A costo di morire in campo, andremo in Russia.” Parole che non lasciano spazio a commenti. La carica c’è, il calore del pubblico anche: Italia, i Mondiali ti aspettano. 

Migliori Bookmakers AAMS

FASTBET

5€ alla Registrazione + 100%  sul Primo Deposito +10% di Cashback

Eurobet

10€ Bonus Scommesse al Deposito

SNAI

5€ Bonus Scommesse alla Registrazione

Orazio Redi

Informazioni sull'autore
Giornalista pubblicista, laureato in Scienze della comunicazione. Amante, sin da piccolo, di calcio e analisi dei linguaggi giornalistici. La citazione, che definisce perfettamente la mia ambizione, è questa qui di Steve Jobs: "L'unico modo per poter fare un ottimo lavoro sta nell'amare ciò che si fa. Il segreto è non accontentarsi mai e inseguire fino alla fine i propri sogni".
Tutti i post di Orazio Redi