Genoa-Inter 0-4, voti e pagelle: Icardi raggiunge Vieri, show Gagliardini, Perisic c’è, Romero disastroso

Sommario
  1. TABELLINO

Allo Stadio Luigi Ferraris di Genova, la partita Genoa-Inter termina 0-4.

Per gli ospiti, questo turno infrasettimanale è stato poco più di un allenamento. Un Genoa senza arte né parte che non riesce ad arginare gli azzurri e che, complice l’espulsione di Romero, non riesce mai ad essere pericolosa dalle parti di Handanovic. 

Genoa-Inter è sopratutto il ritorno di Mauro Icardi dal primo minuto. Per lui un palo, un rigore procurato e successivamente segnato e un assist per Ivan Perisic. Il rientro dopo quasi due mesi non è stato prese bene dalla tifoseria che lo ha fischiato anche dopo il gol. Adesso, toccherà all’ex capitano dei neroazzurri riconquistare la propria tifoseria. In tutto questo, con il gol realizzato su rigore, Mauro Icardi aggancia Bobo Vieri nei migliori marcatori della storia dell’Inter. Ottavo posto in questa speciale classifica con ben 123 gol all’attivo. La prossima tappa è arrivare al settimo posto, superando Nyers a quota 133 reti.

Il Genoa purtroppo non riesce a contenere un Inter furibonda. Il tecnico Prandelli si dispera durante tutta la partita sopratutto perché i neroazzurri sono imprendibili sulle fasce. L’espulsione di Romero compromette definitivamente le sorti dell’incontro. Da quel momento il Genoa è costretto a subire le scorribande avversarie. 

TABELLINO

GENOA (4-3-1-2): Radu; Pedro Pereira, Romero, Zukanovic, Pezzella; Lerager, Radovanovic (36′ st Mazzitelli), Rolon; Sturaro (20′ st Bessa); Kouame, Sanabria. A disposizione: Marchetti, Jandrei, Gunter, Lapadula, Biraschi, Pandev, Lazovic, Lakicevic, Favilli, Miguel Veloso. All.: Prandelli.

INTER (4-2-3-1): Handanovic; D’Ambrosio, Skriniar, Miranda, Asamoah; Gagliardini, Brozovic (21′ st Joao Mario); Politano (29′ st Borja Valero), Nainggolan, Perisic; Icardi (35′ st Keita Balde). A disposizione: Padelli, Vecino, Ranocchia, Cedric, Dalbert, Colidio, Salcedo, Candreva. All.: Spalletti.

ARBITRO: Mariani di Roma.

MARCATORI: 15′ pt, 35 st Gagliardini, 40′ pt Icardi (Rig.), 9′ st Perisic.

NOTE: Espulso al 39′ pt Romero.

RECUPERO: 1+0

 

MIGLIORI:

Gagliardini 8: il centrocampista dei neroazzurri è irriconoscibile ma in positivo. Un Gagliardini così non si vedeva dai tempi dell’Atalanta. Oltre ai due gol, tante giocate interessanti sia in fase di impostazione che in fase di interdizione.

Politano 7.5: l’esterno dei neroazzurri è una spina nel fianco con il giovane Pezzella che non riesce a fermarlo praticamente mai. Dribbling, corsa, passaggi filtranti, prestazione superlativa alla quale manca solo un gol.

Icardi-Nainggolan 7.5: se ad inizio stagione avessero avuto questa intesa, l’Inter avrebbe almeno 10 punti in più. Si cercano in tutti i modi e riescono a trovarsi a che con giocate più difficili. Questo finale di stagione può riservarci tante belle giocate da parte di questi due.

PEGGIORI

Romero 4.5: finché è in campo riesce ad arragiarsi e non commette grosse sbavature al 40’ però un errore che costa caro, fallo da ultimo uomo, espulsione e rigore per i neroazzurri. Prestazione da cancellare assolutamente. 

Radovanovic 5: deve essere il faro del centrocampo gialloblù ma non si vede mai. Il lavoro sporco non passa mai dai suoi piedi e in fase di impostazione tende a spazzare il pallone piuttosto che ragionare. 

Pezzella 5: Politano è sicuramente un avversario ostico ma dalle sue parti si sfonda troppo facilmente. Le costanti sovrapposizioni di D’Ambrosio e gli inserimenti di Gagliardini e Nainggolan mettono in difficoltà la catena di sinistra del Genoa.

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

15€ Bonus Benvenuto Scommesse al Deposito

Fastbet

5€ alla Registrazione + 100%  sul Primo Deposito +10% di Cashback

Sisal Matchpoint

5€ Bonus Scommesse alla RegistrazioneFino a 350€ di Bonus

Teo Carlucci

Informazioni sull'autore
Nato a Foggia il 19/12/1997, studente di Scienze delle Attività Motorie e Sportive all'Università degli studi di Foggia, sono un amante del calcio e dello sport in generale. Tifoso dei colori della mia città e dell'Inter, ambisco a diventare un giornalista sportivo a livello nazionale.
Tutti i post di Teo Carlucci