Fiorentina, altro ko: stagione finita per Pjaca

Rottura del legamento crociato anteriore del ginocchio sinistro per Marko Pjaca. Stagione finita per lui e ritorno alla Juventus a giugno ormai certo. Il tecnico: “A tutti noi dispiace per il ragazzo, ma siamo convinti che tornerà al top”. 

“ACF comunica che nel corso dell’allenamento di ieri il calciatore Marko Pjaca ha riportato un trauma distorsivo al ginocchio sinistro. Gli esami strumentali svolti nella mattinata odierna hanno evidenziato la rottura del legamento crociato anteriore. Nei prossimi giorni il calciatore sarà sottoposto a consulenza chirurgica per programmare il trattamento più opportuno”. Con queste parole, lanciate attraverso il proprio sito ufficiale, la Fiorentina annuncia la grave entità dell’infortunio di Marco Pjaca. Per il calciatore si tratta del secondo grave stop fisico, dopo quello avvenuto in maglia Juventus (rottura del legamento crociato del ginocchio destro). 

Infortunio che renderà vane anche quelle ultime e piccolissime chance di riscatto che il numero 10 dei Viola avrebbe voluto giocarsi sul campo, nella speranza di lasciarsi alle spalle un campionato che sarà costretto a finire con 16 presenze, molte da subentrato, e un solo gol all’attivo contro la Spal. Nel suo futuro la Juventus, proprietaria del cartellino, che difficilmente, però, darà al ragazzo la possibilità di un ritorno in campo a strisce bianconere. 

Migliori Bookmakers AAMS

FASTBET

5€ alla Registrazione + 100%  sul Primo Deposito +10% di Cashback

Eurobet

10€ Bonus Scommesse al Deposito

SISAL

5€ Bonus Scommesse alla RegistrazioneFino a 350€ di Bonus

Orazio Redi

Informazioni sull'autore
Giornalista pubblicista, laureato in Scienze della comunicazione. Amante, sin da piccolo, di calcio e analisi dei linguaggi giornalistici. La citazione, che definisce perfettamente la mia ambizione, è questa qui di Steve Jobs: "L'unico modo per poter fare un ottimo lavoro sta nell'amare ciò che si fa. Il segreto è non accontentarsi mai e inseguire fino alla fine i propri sogni".
Tutti i post di Orazio Redi