Ferrero arrestato per bancarotta: si dimette da presidente della Sampdoria

Il presidente blucerchiato è stato arrestato stamane. Lui e altre 5 persone sono stati trasferiti a San Vittore per gli arresti domiciliari, il club blucerchiato, attraverso un comunicato, ha ufficializzato le dimissioni di Ferrero.

Giornate turbolente in casa Sampdoria.

La squadra blucerchiata, dopo aver subito una sconfitta casalinga per mano della Lazio che, in vista del derby della Lanterna della prossima giornata, ha aggravato la situazione di classifica della squadra, ha iniziato a interrogarsi sulla sicurezza del lavoro dell’allenatore Roberto D’Aversa.

Attualmente, sembra, non c’è aria di esonero per l’attuale mister della Samp, ma in serata sono state fatte molte valutazioni anche riguardo il sostituto.

In tribuna, ieri sera, c’era anche Massimo Ferrero, presidente della Sampdoria, che dopo aver visto la sua squadra perdere, non poteva immaginare che la mattina seguente sarebbe stata anche peggiore.

Stamane, infatti, Ferrero è stato arrestato a Milano, dalla Guardia di Finanza in seguito ad un’inchiesta che riguarderebbe il fallimento di ben 4 società di possesso del presidente doriano.

Il provvedimento, emesso dal gip del tribunale di Paola, non ha registrato nessun coinvolgimento della società calcistica Sampdoria ma, come era ovvio aspettarsi, questa notizia ha turbato e modificato tutto l’ambiente societario.

Mentre Ferrero e altre 5 persone, tra cui la figlia Vanessa e uno dei suoi nipoti, sono agli arresti domiciliari, la Sampdoria ha comunicato, attraverso il proprio sito ufficiale, le dimissioni dell’imprenditore che ormai possiamo definire ex presidente della squadra.

Anche nel comunicato è sottolineata la totale estraneità della Samp dalle vicende che hanno coinvolto Ferrero che, per trasparenza e per evitare ulteriori sanzioni, ha deciso di allontanarsi dalla Sampdoria e dal mondo del calcio, formalizzando le dimissioni immediate dalle cariche sociali di cui è stato titolare fino ad ora.

L’ex presidente blucerchiato aveva inviato, tramite l’avvocato Giuseppina Tenga, un’istanza per difendersi dalle accuse di bancarotta fraudolenta, ma il Tribunale di Roma ha bloccato la richiesta rendendo inutile la difesa di Ferrero e avviando, dunque, perquisizione e arresto del sospettato.

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

Bonus di Benvenuto fino a 105€