F1, GP Ungheria Voti e Pagelle: Hamilton da brivido

Il Gran Premio di Ungheria ha confermato lo strapotere Mercedes con Lewis Hamilton che ha dominato la gara dal primo all’ultimo giro, deludono ancora le Ferrari.

Ci siamo, è arrivato il momento di dare i voti ai protagonisti del GP d’Ungheria 2020. Un compito decisamente arduo, in quanto il terzo appuntamento della stagione 2020 di Formula 1 è stato più coinvolgente che mai, con momenti di grandezza e di perfezione assoluta (c’è da specificare che parliamo di Hamilton?) ed altri talmente negativi da valere già da soli come degli “anti-record” (la Ferrari non veniva doppiata con entrambe le vetture dal lontano 2008, anno in cui Hamilton era alla sua prima stagione in F1 e vinceva il primo mondiale di una lunga serie). Ora però, basta chiacchiere, passiamo ai numeri.

Fonte: twitter

Si è concluso il terzo weekend consecutivo di gare di Formula 1 e le squadre ed i piloti avranno sicuramente molto su cui pensare e a cui provvedere. Questo vale principalmente per la Ferrari, che continua a portare in pista una monoposto fiacca, piena di drag e comunque non competitiva sotto molti aspetti. A Maranello ci sarà bisogno di 15 giorni incessanti di lavoro per cercare di partire da zero in modo tale da non essere almeno doppiati dalla scuderia con cui l’anno scorso era in lotta. I Ferraristi chiedono tanto?

Voti e Pagelle GP d’Ungheria

  • Lewis Hamilton – voto 10 é letteralmente impossibile non dare il massimo al pilota inglese, capace di stravincere per la sua 86ima volta in Formula 1 con tanta scioltezza. Se la W11 è un’astronave, c’è da dire che il suo primo pilota è un alieno, è stato perfettamente in controllo per tutti i 70 giri del GP d’Ungheria e non contento, gli è rimasto anche il tempo di fare un pit-stop extra tanto per fare anche il giro veloce. Il prossimo GP cosa faranno, gli offriranno un caffè mentre guida? Imprendibile.
Il team festeggia la vittoria numero 86 di Lewis Hamilton. Fonte: Twitter ufficiale Mercedes
  • Max Verstappen- voto 8.5 L’olandese ha corso una ottima gara. Max ha compiuto una gara pazzesca, riuscendo a mantenere il sangue freddo e a rincorrere un missile come la W11 di Lewis Hamilton e in contemporanea a tenerne un altro dietro, anche quando Valtteri Bottas sembrava averlo già preso. Avrebbe meritato dei voti più alti per questo GP d’Ungheria ma è stato penalizzato dall’errorino compiuto prima della gara, in cui ha accidentalmente preso il muro e rotto un alettone. Cose che capitano, ma ha seriamente rischiato di non potere prendere parte al GP. Bravissimo, tuttavia, a non farsi condizionare da quell’errore. Un bel 10 e lode per il suo team, velocissimo ed efficiente.
  • Lance Stroll- voto 8. Il “figlio di papà” ha dimostrato che sta nel Circus anche per la sua bravura in pista, in quanto è riuscito ad essere decisivo ed incisivo sulla sua “Mercedes Rosa”, piazzandosi in quarta piazza come primo degli altri, tenendosi lontano dai guai e chissà, forse con la pioggia ce l’avrebbe anche fatta ad andare a podio.
  • Kevin Magnussen- voto 8. La Haas si è dimostrata davvero abile ad inizio gara, indovinando la strategia (al contrario dell’Alpha Tauri che ha ignorato il povero Kvyat). Kevin ha corso in terza pizza per buona parte della gara, rispolverando il pilota da podio che avevamo visto durante il suo primo GP in McLaren. Si è poi dovuto arrendere ad altre auto ma il vichingo danese ha dimostrato di avere classe e carattere ed ha portato la sua scuderia a punti, conquista che la Haas ha festeggiato come una vittoria. Dovrebbe mostrare questa sua grinta più spesso.
  • Alex Albon – voto 7. L’anglo- thailandese parte da una posizione scomoda, in quantodurante le qualifiche il team lo ha fatto uscire in mezzo al traffico ed è riuscito comunque a portare a termine una bella gara. Peccato per il grande distacco dal compagno di squadra, può fare davvero di più e deve farlo anche in fretta, prima che qualcuno gli tolga il sedile da sotto, cosa non nuova in Red Bull.
  • Sebastian Vettel -voto 6,5. Il tedesco ha guidato una SF1000 imbarazzante e ha fatto tutto quello che poteva, portando quella monoposto in zona punti, un’impresa niente male. Seb ha, però, commesso due errori andando lungo e perdendo, nel secondo caso, anche la posizione su Albon e questo non ci voleva.
  • Daniil Kvyat – voto 6,5. Il risultato non era ottimo ma il russo è stato il primo ad interpretare correttamente la pista, con lo spunto del cambio gomme ma purtroppo per lui, il suo team ha fatto orecchio da mercante.
  • Valtteri Bottas – voto 6. Va bene, è arrivato sul podio, ma con un’auto del genere sfidiamo noi a non farlo. Valtteri, infatti, è partito secondo ed è riuscito a farsi superare da mezza griglia in partenza, salvo poi recuperare tutto, anche grazie al suo missile. Appena sufficiente la sua prestazione.
  • Charles Leclerc- voto 5. Non possiamo infierire più di tanto sull’undicesima posizione del monegasco, perchè si è trovato a guidare ( come Vettel) un tagliaerba rosso. Ha cercato di essere meno impulsivo nei sorpassi dimostrando di avere imparato la lezione ma qualcosa in più poteva sicuramente farlo.

Migliori Bookmakers AAMS

FASTBET

5€ alla Registrazione + 100%  sul Primo Deposito +10% di Cashback

Eurobet

10€ Bonus Scommesse al Deposito

SISAL

5€ Bonus Scommesse alla RegistrazioneFino a 350€ di Bonus

Silvia Giorgi

Informazioni sull'autore
Classe 1990, mi sono laureata in Lingue a Bari (ne parlo 4) e appassionata di sport da sempre (ho fatto equitazione per un bel po'). Sin da bambina ho sempre avuto il sogno di diventare una giornalista sportiva. Gli sport che amo di più sono equitazione, pattinaggio su ghiaccio e il motorsport a 360 gradi. Il mio preferito? La Formula 1, ovviamente.
Tutti i post di Silvia Giorgi