F1, Pirelli resterà fornitore unico di pneumatici fino al 2024

La partnership tra la Casa italo-cinese, FIA e F1 viene prolungata di un altro anno

La pandemia da COVID-19 ha colpito chiaramente anche il mondo dello sport, oltre al resto dell’attività e della vita della popolazione mondiale, dall’inizio dello scorso anno. La Formula 1, dopo un 2020 tribolato, ma nel quale è comunque riuscita a portare a conclusione un campionato regolare, si trova nuovamente a far fronte ai problemi provocati dalla situazione globale, con il via della stagione spostato in Bahrain, alcuni appuntamenti rinviati verso fine stagione, novità in calendario e i protocolli sanitari da rispettare una volta di più.

In questo quadro s’inserisce l’annuncio, arrivato ieri, del prolungamento dell’accordo come fornitore unico di pneumatici di Pirelli fino al 2024. Rientrata nel Circus in questa veste nel 2011, la Casa italo-cinese aveva sottoscritto l’ultimo contratto nel 2018, prevedendo l’introduzione degli pneumatici con cerchioni da 18″ nel 2021, con conclusione della partnership nel 2023. La pandemia, come si evince dal comunicato Pirelli (che riportiamo di seguito), ha dapprima spinto i vertici dello sport a rinviare l’introduzione della nuova conformazione di pneumatici al 2022, quindi all’allungamento del precedente accordo fino a fine 2024.

(foto da: twitter.com)

Ecco il comunicato della Casa fondata nel 1890:

“FIA e Formula 1 hanno proposto a Pirelli, che ha concordato, di estendere per un’ulteriore stagione il contratto già in essere come fornitore unico di pneumatici del campionato, così da ristabilire l’equilibrio complessivo e le condizioni della gara indetta nel 2018, oltre che nell’interesse di tutti gli stakeholder coinvolti.

La gara organizzata da FIA e FOM nel 2018 per la selezione del nuovo tyre partner prevedeva infatti la fornitura di pneumatici da 13 pollici per la stagione 2020 e poi il passaggio ai 18 pollici a partire dal 2021 e fino al 2023, quindi per 3 stagioni consecutive.

A causa della pandemia di COVID-19, che ha influenzato anche il regolare svolgimento della stagione 2020 di Formula 1, FOM e FIA ​​sono state costrette ad applicare diverse misure emergenziali, tra cui l’annullamento delle sessioni di test di sviluppo pneumatici previste per lo scorso anno e lo slittamento al 2022 del regolamento tecnico 2021 che comprendeva appunto l’adozione di pneumatici da 18 pollici. Il nuovo regolamento prevede ora l’utilizzo di pneumatici da 13 pollici nel 2021 e il passaggio ai 18 pollici dal 2022″.

Ora le dichiarazioni dei protagonisti, a partire da Stefano Domenicali, Presidente ed AD della Formula 1: “La pandemia ha causato disagi in tutto il mondo e la Formula 1 non è rimasta indenne. Di conseguenza, nella scorsa stagione abbiamo adottato le misure necessarie per posticipare il regolamento di un anno, al 2022. Siamo molto orgogliosi della nostra partnership con Pirelli e li ringraziamo per l’approccio costruttivo che hanno mostrato di fronte a questo cambio di tempistica.

Pirelli è assolutamente consapevole del ruolo strategico che ricoprono i pneumatici in F1 e sappiamo che sta lavorando molto duramente per fare in modo che i propri pneumatici possano garantire, nel nuovo contesto tecnico, il miglior equilibrio tra prestazioni e durata. Non vediamo l’ora che inizi la stagione 2021 e siamo tutti entusiasti per le nuove monoposto e per i nuovi pneumatici da 18 pollici che vedremo in pista con il nuovo regolamento nel 2022“.

Jean Todt, Presidente FIA: “Voglio ringraziare Formula 1 e Pirelli per la collaborazione, la flessibilità e l’impegno dimostrato nei confronti del nostro sport in questo periodo così difficile. Il COVID-19 ci ha messo davanti a sfide importanti in tutti gli aspetti delle nostre attività ma, lavorando insieme in modo sensato e pragmatico, siamo riusciti a garantire che la stabilità e la forza a lungo termine della Formula 1 rimanessero intatte.

Il passaggio a cerchi e pneumatici da 18 pollici offrirà sicuramente un’immagine più entusiasmante delle monoposto di Formula 1, ma ha anche rappresentato una sfida tecnica significativa che ha richiesto molti investimenti e sviluppo da parte di Pirelli che continuerà a fornire pneumatici al top delle prestazioni. Alla luce di questo, e del necessario rinvio del nuovo regolamento come conseguenza della pandemia, è stato pertanto semplicemente logico estendere il contratto per la fornitura di pneumatici“.

Marco Tronchetti Provera, Vice Presidente Esecutivo ed AD Pirelli: “Nel 2020 anche il mondo del motorsport ha dovuto affrontare le difficoltà causate dalla pandemia ma FOM e FIA hanno fatto un lavoro straordinario riuscendo a organizzare un campionato di 17 gare. Siamo naturalmente soddisfatti di aver raggiunto questo accordo che ci permetterà di prolungare la nostra presenza nel massimo campionato automobilistico fino al 2024.

Pirelli è stata al fianco della Formula 1 fin dalla prima gara nel 1950 e, a distanza di oltre 70 anni, continua a esserlo investendo in ricerca e sviluppo ai massimi livelli tecnologici, come dimostra l’introduzione dei nuovi pneumatici da 18 pollici a partire dalla prossima stagione. Il motorsport fa parte del nostro DNA e la Formula 1 rappresenta un laboratorio a cielo aperto che ci permette di riversare le conoscenze acquisite sul campo nei nostri pneumatici stradali, a partire da quelli Ultra High Performance che equipaggiano le automobili più prestigiose al mondo“.

Migliori Bookmakers AAMS

FASTBET

5€ alla Registrazione + 100%  sul Primo Deposito +10% di Cashback

Eurobet

10€ Bonus Scommesse al Deposito

SNAI

5€ Bonus Scommesse alla Registrazione

Gianluca Zippo

Informazioni sull'autore
Laureato in Giurisprudenza alla Federico II di Napoli. Malato di Formula 1 e calcio, seguo anche la MotoGP e la NBA.
Tutti i post di Gianluca Zippo