F1, le reazioni alla morte di Niki Lauda a settant’anni

La Formula 1 piange la scomparsa di Niki Lauda, tre volte campione del mondo, a settant’anni di età. Otto mesi fa aveva subito un trapianto ai polmoni, le sue difficoltà dopo l’incidente del Nurburgring nel 1976 lo hanno accompagnato fino alla fine. 

Nonostante fosse riuscito a gareggiare ancora per diversi anni, riuscendo a diventare campione del mondo. La Mercedes ha voluto omaggiarlo con le date di nascita e morte, la Ferrari sottolinea i due successi avuti con il cavallino, anni meravigliosi e pieni di passione. 

Niki Lauda, presidente non esecutivo della Mercedes, è morto nella notte in una clinica privata in Svizzera. Aveva 70 anni (foto da: heidelberg24.de)

L’ex presidente della team di Maranello, Luca Cordero di Montezemolo, ha voluto lasciare un ricordo importante, pieno di emozione e sentimento. Queste le sue parole rilasciate all’Ansa

“Caro Niki, grande e vero amico da cinquant’anni, ti penso tanto e la tua scomparsa lascia un enorme vuoto dentro di me. Con te ho vissuto alcuni dei momenti più belli della mia vita, abbiamo condiviso tante indimenticabili vittorie della Ferrari e siamo sempre stati uniti da grande affetto, anche quando ci siamo trovati a competere in campi avversi. Sei stato un grande Campione, un Campione del Mondo in pista e fuori, un amico sincero, un uomo diretto e leale”.

Nico Rosberg, invece, spende parole di riconoscenza per il suo vecchio maestro Lauda, in grado di insegnarli di non mollare mai, oltre ad avere un’estrema pazienza con i giovani:

“Caro Niki, grazie per tutto quello che hai fatto per me. Ho imparato tanto. La tua passione, il tuo spirito da combattente, il non mollare mai, il saper vivere due volte e la tua pazienza con noi giovani. Io e i 100 milioni di fan nel mondo, che grazie a te sanno che non bisogna mollare nei momenti difficili, pensiamo a te, alla tua famiglia e ti auguriamo di riposare in pace”.

Il team principal della Mercedes Toto Wolff, dopo le parole di condoglianze alla famiglia, ha voluto sottolineare come sia stata una persona onesta, seria e responsabile, oltre che dalla grande lealtà:

“Niki rimarrà sempre una delle più grandi leggende del nostro sport, ha combinato eroismo, umanità e onestà dentro e fuori dall’abitacolo. Lascia un vuoto nella F.1. Non abbiamo perso solo un eroe che ha messo in scena il ritorno più straordinario mai visto, ma anche un uomo che ha portato alla F.1 moderna chiarezza e candore. Ci mancherà molto come nostra voce di buon senso. La Mercedes ha perso una luce guida. Come compagno di squadra negli ultimi sei anni e mezzo, Niki è sempre stato brutalmente onesto e assolutamente leale”

Si è aggiunto anche il commento di Alonso scioccato e rattristito, così come Jean Todt che di lui ha splendidi ricordi di gioventù. Un vero e proprio eroe, un punto di riferimento per tutto il mondo della Formula 1.

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

Bonus di Benvenuto fino a 105€

Sisal Matchpoint

5€ Bonus Scommesse alla RegistrazioneFino a 350€ di Bonus

Lorenzo Carrega

Informazioni sull'autore
Giornalista Pubblicista. Esperienze in ambito giornalistico locale, non solo di sport, ma anche di cultura e tempo libero. La scrittura è la mia passione
Tutti i post di Lorenzo Carrega