F1 Monaco 2017, Ricciardo: “Risultato fantastico. Ho dato il massimo”

Secondo podio consecutivo per Daniel Ricciardo. Come a Barcellona, anche a Monaco l’italo-australiano giunge sul gradino più basso del podio, alle spalle delle due SF70-H ma con un sorriso ritrovato. Eh si perchè, dopo un inizio difficile, alle spalle di Verstappen e Bottas, Daniel, tramite l’overcut e tre giri molto veloci, riesce a scavalcarli entrambi, arrivando anche a sognare un attacco a Raikkonen, poi mai concretizzatosi.

Secondo 3°posto di fila per Daniel Ricciardo (foto da: lance.com.br)

E’ stata una buona giornata oggi per noi, tutto ha funzionato” – spiega Daniel – “Non avremmo potuto fare di più di quanto abbiamo ottenuto con il terzo posto, ma ringrazio il team che mi ha motivato sempre, anche se ieri non sono riuscito a sfruttare tutto il potenziale della monoposto. Sono davvero soddisfatto. Abbiamo mostrato come sui circuiti cittadini la RB13 sia competitiva, ma dobbiamo chiaramente migliorare anche sulle altre tipologie di circuiti. Per ora però mi godo questi due podi consecutivi“.

Un grosso spavento lo ha colto alla ripartenza dalla safety car, quando è andato a picchiare con la posteriore sinistra contro il rail in uscita dalla Sainte Devote: “Ho toccato il muro di curva 1 e mi è andata bene. Mi ero preoccupato molto, poichè pensavo di aver rovinato la sospensione. Che paura” – racconta il pilota Red Bull – “Ho frenato in ritardo ma pensavo comunque di aver margine; poi la monoposto ha iniziato a non girare. E a quel punto ho pensato che avrei danneggiato l’ala anteriore o addirittura la sospensione. O qualcosa d’altro. Ero preoccupato pensando a eventuali danni, ma poi alla fine ho visto che potevo tornare a spingere. I primi 3 giri dopo il contatto sono stati difficili ma sono felice del podio, per me e per il team, ma soprattutto di aver mostrato un passo gara molto competitivo“.

Gianluca Zippo

Informazioni sull'autore
Laureato in Giurisprudenza alla Federico II di Napoli. Malato di Formula 1 e calcio, seguo anche la MotoGP e la NBA.
Tutti i post di Gianluca Zippo