F1, Marchionne non alza bandiera bianca: “C’è ancora il tempo per rifarsi”

Dopo l’ennesima delusione delle ultime settimane, patita ieri in quel di Suzuka, la Ferrari e Sebastian Vettel hanno detto addio al sogno di riportare l’iride a Maranello, almeno per quest’anno ovviamente. Troppi i 59 punti da recuperare su un Lewis Hamilton fin qui perfetto, con appena 100 disponibili. Certo, non bisogna mollare, soprattutto per chiudere al meglio un’annata che ha comunque riscattato un 2016 molto deludente. Ma la candela non funzionante nel propulsore di Vettel ha messo ko definitivamente ogni velleità.

Il presidente della Ferrari, Sergio Marchionne (foto da: mtv.fi)

Molto attese erano le parole del Presidente Sergio Marchionne, dopo quest’altro weekend difficile. Ebbene, il manager italo-canadese ha fatto intendere che tutto il team non intende mollare la presa, volendo chiudere degnamente la stagione. “Non voglio parlare di sfortuna, perché non ci credo” – dice Marchionne a Class-CNBC – “Sono cose che succedono a tutti, anche se a noi soprattutto in gara. Quanto successo a Vettel domenica è stata una sciocchezza che ha avuto un impatto negativo su una monoposto da milioni di euro. La cosa importante comunque è non perdere la fiducia che ci ha portato fin qui. Ricordiamoci che l’anno scorso nessuno avrebbe scommesso che la Ferrari si sarebbe trovata a questo livello“.

Non voglio essere arrogante, ma penso proprio che al momento la Ferrari sia alla pari se non davanti alla Mercedes” – prosegue Marchionne – “La Red Bull, a sua volta, ha fatto indubbi passi avanti, ma non al punto di mettere in dubbio la nostra posizione in gara. Io credo che la stagione non sia persa, e che ci sia il tempo per rifarsi. Ho tanta fiducia sul fatto che, nelle prossime quattro gare, riusciremo a colmare buona parte del divario che ci separa dalla Mercedes. La macchina ha fatto progressi enormi nell’ultimo periodo“.

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

Bonus di Benvenuto fino a 105€

Sisal Matchpoint

5€ Bonus Scommesse alla RegistrazioneFino a 350€ di Bonus

Gianluca Zippo

Informazioni sull'autore
Laureato in Giurisprudenza alla Federico II di Napoli. Malato di Formula 1 e calcio, seguo anche la MotoGP e la NBA.
Tutti i post di Gianluca Zippo