F1 Malesia 2017, Raikkonen: “Abbiamo le qualità per far bene”

Kimi Raikkonen vuole mettersi alle spalle l’incidente che a Singapore ha messo fuori gioco, dopo pochi metri, anche Max Verstappen, Sebastian Vettel e Fernando Alonso. Il finlandese è concentrato sul weekend malese e, pur su una pista sulla carta sfavorevole alla Ferrari, si dice convinto che la Rossa abbia tutte le possibilità di far bene e di puntare al miglior risultato possibile.

Kimi Raikkonen, sotto la pioggia di Sepang. Il finlandese è convinto delle possibilità della Ferrari in Malesia (foto da: fanatic.co.uk)

Non ho nulla da aggiungere riguardo la partenza di Singapore. Ora andiamo avanti e pensiamo a questa gara, molto importante per noi” – ha esordito il Campione del Mondo 2007 – “Difficile sapere in anticipo se potremo lottare con le Mercedes. Noi dobbiamo fare subito bene nelle libere del venerdì, e capire immediatamente in che direzione lavorare. Quello sarà importante. Penso comunque che potremo fare bene qui“.

A Singapore Seb era primo, mentre io ero terzo o quarto” – continua il finlandese – “Se ci paragoniamo alle Mercedes, eravamo il team migliore. Ci sono alti e bassi, in questa stagione. Alcune piste sono migliori per alcuni, altre per altri, ma è sempre così. Alla fine chi ottiene più punti è il migliore. Non serve analizzare una pista in particolare ed estrapolarla dal contesto“.

Kimi, quindi, da un giudizio personale sul circuito di Sepang, non mancando di ripercorrere le edizioni per lui più significative: “A Sepang ho vinto due volte, tra cui la mia prima in assoluto. E’ passato un sacco di tempo e all’epoca quella vittoria ebbe un gran significato. A dire il vero fu molto bella anche la seconda, con la Ferrari. Fu una bella lotta con Felipe, un bel ricordo. Per me questa pista è sempre stata positiva. E’ un bel circuito, che aiuta lo spettacolo e le belle gare. Allo stesso tempo, però, è anche difficile a livello tecnico. Una bella sfida, alla quale comunque siamo ormai abituati“.

Gianluca Zippo

Informazioni sull'autore
Laureato in Giurisprudenza alla Federico II di Napoli. Malato di Formula 1 e calcio, seguo anche la MotoGP e la NBA.
Tutti i post di Gianluca Zippo