F1 GP Spagna 2020: Orari e Dove Vederlo in diretta TV e Streaming

La F1 continua imperterrita verso il GP di Spagna 2020, l’ultimo appuntamento del secondo triple header della stagione. Negli scorsi weekend abbiamo assistito a due gare a Silverstone, i cui protagnosti indiscussi non sono stati i piloti o le scuderia ma gli pneumatici.Ci aspettiamo un bis anche dalla terra catalana. Vediamo cosa aspettarci dall’appuntamento spagnolo.

Immagine della pit-lane del Montmelò (foto da: twitter.com/Circuitcat_eng)

Il Gran Premio di Spagna 2020 si presenta come un ottimo terreno di prova per la Mercedes, chiamata a difendere il proprio dominio, dopo due gare pesantemente condizionate dagli pneumatici. La prima gara di Silverstone è stata vinta da Hamilton su tre ruote mentre Bottas è scivolato in undicesima posizione. Il secondo appuntamento, invece, ha visto un eccezionale Verstappen prendere la leadership del Gran Premio dopo essere partito quarto, davanti ad Hamilton che è stato maledetto da un blistering inarrestabile e a Bottas.

E’ interessante notare che si ripresentano qui in Catalogna gli stessi tre protagonisti del 2019. Ricordiamo infatti il pilota inglese vincere con facilità la scorsa edizione davanti al compagno di squadra e a Verstappen.

E’ molto probabile, visti i precedenti della scorsa gara, ritrovarsi nuovamente davanti ad una battaglia a tre teste. Consideriamo inoltre che i problemi di gomme sono un must qui in Catalogna, complici le alte temperature ed un asfalto ondulato. Vediamo di conoscere uno dei circuiti più usati della Formula 1.

F1, GP di Spagna 2020: Il circuito

Nome: Circuit de Montmelò

Località: Montmelò

Numero di giri : 65

Lunghezza tracciato: 4.665 km

Curve: 16

Senso: Orario

Record della pista: 1’15’406, Valtteri Bottas, qualifiche, su Mercedes

Siamo in Catalogna, una regione spagnola di confine con Portogallo e Francia. Qui, si trova una natura meravigliosa, in cui i monti offrono un verde rigoglioso ed il mare è particolarmente noto per la sua bellezza ai turisti (non siamo poi così lontani da Lloret de Mar) ed ai commercianti. A rendere fiorente il commercio, tuttavia, ci pensano anche i catalani – guai a chiamarli spagnoli!- con la loro maestria nel commercio. In Spagna, infatti, c’è un detto a proposito, che traduciamo come “I Catalani dalle pietre producono pane”.

Questo Gran Premio, inaugurato nel 1991, è noto come GP di Spagna per la F1 e GP di Catalogna per la MotoGP. Per gli abitanti di questa zona, infatti, storicamente, la zona della Catalogna è molto più di una mera regione spagnola, in quanto le forze indipendiste rivendicano il passato di questa terra, a parte rispetto alla Spagna, con una lingua e letteratura che prescinde da quella castellana.

Il circuito di Montmelò sorge nella parte montagnosa, a soli 20 km a nord-est da Barcellona. La sua natura montana regala alla pista una delle caratteristiche che la rendono più famosa. Parliamo dell’asfalto, molto ondulato proprio a causa della topografia di questa zona, molto gradita dai piloti e poco incline agli pneumatici, sempre sotto pressione. La curva Elf, infatti, è leggermente in salia ed è tristemente famosa per i tanti incidenti, mentre quella Seat costringe i piloti a rallentare fortemente, ed andare a soli 75 km/h. Una conformazione del manto di questo genere, infatti, apre la strada agli imprevisti e per affrontare la gara le scuderie devono creare monoposto con molto carico aerodinamico. Il manto è anche sporco di sabbia, condotta lì dalla zona in cui nasce il circuito, e le curve strette sono le nemiche numero 1 degli pneumatici, poichè alterano la pressione. Hamilton non sarà molto contento, visto che la sua W11 sta già dimostrando una tendenza a sviluppare blistering sulle ruote.

Il GP , nato nel 1991, ha subito solo tre grosse modifiche. La prima nel 1994, ha ampliato le vie di fuga ed eliminato la curva Nissan (non vi era spazio per l’ampliamento), trasformandola in un rettilineo. La seconda è avvenuta nel 2004 ha interessato il set di curve La Caixa Blanca de Sabadell, rendendole più strette in modo tale da favorire alle monoposto i sorpassi in staccata . L’ultima modifica riguarda la MotoGP: nel 2016, a seguito della morte di Luis Salom nelle prove libere, la MotoGP ha deciso di sfruttare il circuito della Formula 1.

GP di Spagna 2020: come e dove vederlo

Come al solito, per le dirette affidatevi a Sky Sport, mentre a parte vi lasciamo gli orari per le differite su TV8.

Venerdì 14 agosto
Libere 1: 11:00-12:30
Libere 2: 15:00-16:30

Sabato 15 agosto
Libere 3: 12:00-13:00
Qualifiche: 15:00-16:00

Domenica 16 agosto
Gara: 15:10

TV8, differita
Sabato 15 agosto
Qualifiche: 18:00-19:00

Domenica 16 agosto
Gara: dalle 18:00

Albo d’Oro

AnnoPilotaScuderia
1991 Nigel Mansell Williams
1992 Nigel Mansell Williams
1993 Alain Prost Williams
1994 Damon Hill Williams
1995 Michael Schumacher Benetton
1996 Michael Schumacher Ferrari
1997 Jacques Villeneuve Williams
1998 Mika Häkkinen McLaren
1999 Mika Häkkinen McLaren
2000 Mika Häkkinen McLaren
2001 Michael Schumacher Ferrari
2002 Michael Schumacher Ferrari
2003Michael Schumacher Ferrari
2004 Michael Schumacher Ferrari
2005 Kimi Räikkönen McLaren
2006 Fernando Alonso Renault
2007 Felipe Massa Ferrari
2008 Kimi Räikkönen Ferrari
2009 Jenson Button Brawn
2010 Mark Webber Red Bull
2011 Sebastian Vettel Red Bull
2012 Pastor Maldonado Williams
2013 Fernando Alonso Ferrari
2014 Lewis Hamilton Mercedes
2015 Nico Rosberg Mercedes
2016 Max Verstappen Red Bull
2017 Lewis Hamilton Mercedes
2018 Lewis Hamilton Mercedes
2019 Lewis Hamilton Mercedes
Fonte: Wikipedia

Migliori Bookmakers AAMS

FASTBET

5€ alla Registrazione + 100%  sul Primo Deposito +10% di Cashback

Eurobet

10€ Bonus Scommesse al Deposito

SISAL

5€ Bonus Scommesse alla RegistrazioneFino a 350€ di Bonus

Silvia Giorgi

Informazioni sull'autore
Classe 1990, mi sono laureata in Lingue a Bari (ne parlo 4) e appassionata di sport da sempre (ho fatto equitazione per un bel po'). Sin da bambina ho sempre avuto il sogno di diventare una giornalista sportiva. Gli sport che amo di più sono equitazione, pattinaggio su ghiaccio e il motorsport a 360 gradi. Il mio preferito? La Formula 1, ovviamente.
Tutti i post di Silvia Giorgi