F1, GP Austria 2020 Voti e Pagelle: Capolavoro Leclerc

Il lunedì del periodo di gara è quel momento delicato e a volte doloroso in cui si fanno i bilanci ed infatti arrivano le pagelle del GP d’Austria 2020. Il circuito di Spielberg ha aperto la stagione 2020 in un modo nuovo, fresco ed avventuroso. La gara è stata teatro di uno scambio di testimoni dai grandi piloti rinomati ai giovani, ormai pronti per prendere in mano le sorti della Formula 1.

Il meraviglioso circuito di Spielberg immerso nel verde. Fonte: F1.com

Il circuito di Spielberg si è reso teatro di uno straordinario debutto della stagione 2020. Si è trattato, infatti, di un Gran Premio avventuroso che non ha risparmiato colpi di scena e che ha visto concatenarsi una serie di top e flop da parte delle varie scuderie. Domenica prossima, Spielberg ci darà il bis: sarà un Gran Premio di rivincita?

Voti e Pagelle del GP d’Austria 2020

Fonte: twitter.com/Charles_Leclerc
  • Charles Leclerc- voto 10:
    il monegasco ha compiuto veramente un miracolo a bordo di una monoposto che sembra un Pandino usato. Leclerc è partito dalla settima posizione ed ha avuto la lungimiranza e la pazienza di tenere duro e di tenersi lontano dai guai ma anche il talento di fuoriclasse e quel pizzico di follia agonistica che tanto ci piace da tentare, e soprattutto portare a termine, ben due sorpassi ai danni di piloti agguerriti e capaci. Una performance così regale su una monoposto in grossa difficoltà è stata davvero importante.
  • Alex Albon – voto 10:
    Cosa poteva fare di più? Alex ha sfrittato perfettamente tutte le qualità della sua nuova Red Bull, restando in zona ed aspettando pazientemente il momento giusto. Quando è arrivato, non ha avuto paura di coglierlo, è stato onesto a lasciare lo spazio ad Hamilton ed ha quasi preso una astronave guidata da un campione del mondo di prima scelta.
Fonte: twitter.com/valtteribottas
  • Valtteri Bottas- voto 9,5:
    Certo, è impossibile non fare faville su una monoposto come la W11 ma il finlandese ha dimostrato davvero di saperci fare, tenendo alle spalle uno scalpitante Lewis Hamilton. Il non aver ascoltato gli ordini del muretto gli fa onore, in quanto va a scereditare la nomea che si è fatto di galoppino dell’inglese. Ha corso al massimo per tutto il Gran Premio ed ha retto bene alla pressione, evitando quegli errori “alla Rosberg”, per intenderci. Vai, Valtteri così ci piaci.
  • Lando Norris – voto 9:
    L’inglese ha iniziato a dare prova del grande talento che ha sempre mostrato nelle categorie minori, complice anche una McLaren in forte ripresa. Norris ha saputo tenere testa ai migliori durante un Gran Premio pazzo ed imprevedibile, mostrando una freddezza ed una maturità che fa ben sperare. Il punto che manca al voto massimo lo conserviamo in attesa di altri capolavori che dimostrino che oltre ad essere un grande pilota ha anche costanza.
  • Sergio Perez- voto 8:
    ha portato avanti un week-end da solo, con una Racing Point in ottima salute e super veloce. Il messicano ha talento e grinta e ci aspettiamo di vedere anche qualcosa in più da lui, ha le carte in regola per portare alla sua squadra delle grandi soddifazioni.
  • Carlos Sainz – voto 7:
    Sainz ha talento, questo lo sapevamo da tempo. Ciò che è emersa è una nuova fiducia, arrivata al pilota da una duplice fonte: il contratto con la Ferrari per il 2021 ed una splendida McLaren. Apprezzabile il tentativo di sorpasso su Vettel, una prova di forza che però è stata troppo aggressiva. Ciò che manca allo spagnolo è solo esperienza ma arriverà presto.
  • Sebastian Vettel- voto 6.5:
    Il 2020 non parte con il piede giusto per il tedesco, che ha ricevuto come dono di addio dalla Scuderia una monoposto indegna, che risponde ai comandi dopo secoli e che è reattiva come una vecchia auto con l’aria condizionata accesa. Ha avuto un buono spunto nel difendersi da Sainz con le unghie e con i denti ma purtroppo ha subito un pizzico di calo di lucidità che nella foga gli ha fatto prendere il cordolo però può succedere. Il resto della gara è stata una sofferenza, a bordo di una Ferrari che non ne ha assolutamente per tenere il passo nemmeno con le altre scuderie.
  • Antonio Giovinazzi – voto 6:
    Si poteva fare di più ma purtroppo le Alfa Romeo non sono partite bene ed hanno bisogno di più energia. Antonio ha comunque guidato bene ed ha fatto di tutto per terminare almeno davanti al compagno di squadra ben più quotato. Se punta alla Ferrari però deve fare molto di più.
  • Esteban Ocon – voto 5.5:
    Il francese ha voglia di fare e di mostrare alla Formula 1 cosa si è persa nel lasciarlo a piedi per un po’. Il problema è che non ha ancora la conoscenza della macchina nuova o l’esperienza per farlo ed ha rischiato grosso in più di un’occasione. Deve solo valutare meglio le situazioni ma davanti ha ancora tutta una stagione per farlo.
  • Lewis Hamilton – voto 5:
    Lewis ma che ci combini. Ha spinto bene per tutta la gara ma ha rischiato di farsi superare da una Red Bull in grande spolvero. Inoltre ha peccato di presunzione cercando- comprensibilmente, per carità- di “fregare” Albon mantenendo la sua traiettoria e non lasciandogli spazio.

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

Bonus di Benvenuto fino a 105€