F1, Christian Horner: “Verstappen è entusiasta di essere in Formula 1. Si sente un privilegiato”

L’impatto avuto da Max Verstappen nel Circus, in particolare dopo il passaggio dalla Toro Rosso alla Red Bull della passata stagione, è sotto gli occhi di tutti. Nel bene o nel male, il teenager olandese ha fatto, fa e farà parlare (e tanto) di sè, con la speranza e di papà Jos e della Red Bull di trovarsi di fronte ad un futuro Campione del Mondo.

Max Verstappen e Chris Horner (foto da: mtv.fi)

Nel corso di un’intervista a Motorsport.com, Chris Horner sposta l’angolo di visuale sul carattere di Verstappen, elogiandolo sotto vari aspetti. “E’ davvero un gran bravo ragazzo, entusiasta in tutto quello che fa” – dice il team principal della Red Bull – “E’ come un cucciolo di Labrador che vuole essere presente in ogni cosa. Lui adora correre e si sente un privilegiato ad essere un pilota di Formula 1. C’è un aneddoto risalente alla prima parte di stagione, quando dovevamo tornare da Montreal. A causa di una doppia prenotazione, non c’erano più posti in business class, così si è dovuto sedere in classe economy, vicino i bagni. Con altri sarebbe stato un enorme problema, mentre invece Max ha fatto spallucce e ha semplicemente accettato la cosa“.

Quando invece abbassa la visiera, Max è molto meno accomodante, e vien fuori la bestia da gara che è in lui, procurando anche momenti di tensione all’interno della squadra. Horner comunque sottolinea che Max e Daniel hanno appreso strada facendo come comportarsi. “Lavorano bene insieme. A Hockenheim si sono scambiati di posizione e Max, nonostante tutti dicano che non sia un uomo squadra, ha dimostrato l’esatto contrario. Ovviamente, in Messico il favore gli è stato restituito. Il rapporto tra loro è chiaro e leale. Perciò in Malesia mi sono fidato di lasciarli battagliare tra loro, anche se stavano battagliando per la vittoria, dopo il ritiro di Lewis“.

In conclusione, Horner si trova a dover rispondere ad una domanda più che ovvia, ovvero se sarà possibile mantenere questo tipo di rapporto anche se i due dovessero trovarsi, in futuro, a lottare per il titolo. “Non credo, ma la cosa più importante al momento è che ci sia un grande rispetto tra loro” – sostiene Horner – “I due abitano nello stesso palazzo a Monaco e Daniel, al di fuori della pista, è stato quasi come un fratello maggiore per Max. In macchina, entrambi sono affamati di vittorie e gareggeranno duramente tra loro. Ma finchè il loro duello sarà duro ma leale, a noi va bene così“.

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

Bonus di Benvenuto fino a 105€

Gianluca Zippo

Informazioni sull'autore
Laureato in Giurisprudenza alla Federico II di Napoli. Malato di Formula 1 e calcio, seguo anche la MotoGP e la NBA.
Tutti i post di Gianluca Zippo