F1, alla Ferrari il Trofeo Bandini 2017

Pomeriggio importante per la Ferrari, che ha ricevuto il Trofeo Bandini 2017. La premiazione è avvenuta nell’hospitality della Rossa nel paddock di Monaco, alla presenza del presidente della Regione Emilia Romagna, Stefano Bonaccini, del presidente del Comitato del Trofeo Bandini, Franco Assirelli, e del sindaco di Brisighella, Davide Missiroli.

La Scuderia Ferrari ha ricevuto il Premio Bandini 2017 (foto da: motori.diariodelweb.it)

Presenti per la Ferrari Maurizio Arrivabene, Mattia Binotto e i piloti Sebastian Vettel, Kimi Raikkonen e Antonio Giovinazzi. La Scuderia è stata premiata per festeggiare i suoi 70 anni, in una giornata particolare poichè coincidente con i 50 anni della morte di Lorenzo Bandini, avvenuta durante il Gran Premio di Monaco 1967.

Un premio che intreccia passione, amore per le corse e storia della nostra terra” – ha sottolineato il presidente della regione Emilia-Romagna, Bonaccini- “Un riconoscimento a un nome, Ferrari, noto in tutto il mondo. L’Emilia-Romagna è terra di motori e della nostra Motor Valley abbiamo fatto un elemento fondamentale per l’attrattività dei nostri territori, facendone anche un pacchetto turistico con i suoi musei, i suoi circuiti, i suoi luoghi, un mondo che dà vita a qualcosa di unico e inimmaginabile altrove. E un grazie particolare va a tutta la Scuderia Ferrari, che continua a far sognare milioni di fan in tutto il mondo“.

Così il sindaco di Brisighella, Missiroli: “E’ un onore essere a Monaco. Rendiamo omaggio a Bandini, un grande pilota della nostra terra e un grande uomo. Premiamo tutto il Team Ferrari, una storia di competenza e passione, ma ricordo i trofei già consegnati proprio a Raikkonen nel 2004 e a Vettel nel 2009. E il 4 giugno, a Brisighella, torneremo a fare festa con il giovane terzo pilota della Ferrari, Antonio Giovinazzi“.

Siamo orgogliosi di ricevere questo premio proprio in occasione dei 50 anni dalla scomparsa di Bandini” – ha sottolineato il team principal della Ferrari, Arrivabene – “Un pilota che ha contribuito alla storia del Cavallino. Ci tengo a dire che molte parti della SF70H sono prodotte da fornitori nei ditorni di Modena, a riprova della qualità della Motor Valley di cui siamo parte“.

Gianluca Zippo

Informazioni sull'autore
Laureato in Giurisprudenza alla Federico II di Napoli. Malato di Formula 1 e calcio, seguo anche la MotoGP e la NBA.
Tutti i post di Gianluca Zippo