F1 2020, Leclerc dopo i test: “Ferrari indietro ma le vittorie arriveranno”

La stagione di F1 2020 è iniziata ufficialmente grazie ai test pre-stagionali che si sono tenuti a Barcellona e Leclerc assicura che sarà una stagione meno monotona di quello che sembra. I test, infatti, sono stati dominati dalla Mercedes, che è sembrato ancora più a suo agio degli scorsi anni mentre gli altri team sono rimasti indietro.

F1 2020 Leclerc non perde la speranza

F1 2020 Leclerc
F1 2020, Charles Leclerc vuole stupire con la sua Ferrari. Fonte: twitter ufficiale di Leclerc

Durante i test pre-stagionali la Mercedes ha impressionato in senso assolutamente positivo. Non altrettanto ha però fatto la Ferrari. La Scuderia del Cavallino Rampante, infatti, si è dimostata insicura, instabile e carente di velocità, alternando prestazioni di un buon livello ad altre molto più scarse

Il secondo pilota della Rossa, il giovane Charles Leclerc ha però una grande fiducia nei mezzi propri e della Ferrari.

La macchina sembra lenta nei test però io non mi preoccupo- rassicura il pilota monegasco – ci saranno dei miglioramenti significativi durante la stagione.”

Leclerc aspira a Gilles Villeneuve

L’atteggiamento postivo di Leclerc lo porta ad avere degli obiettivi di grandissimo livello ed una grinta fuori dal comune. Il suo sogno, infatti, è quello di emozionare e di emozionarsi su una pista, facendo quello che ama, a grandissima velocità.

“Io voglio stupire, voglio emozionare chi mi guarda correre, proprio come faceva Gilles Villenuve– ha dichiarato il pilota Ferrari. Per ora, la sua grande ambizione sembra che non sia esagerata, visto che l’attenzione se l’è guadagnata e se la merita tutta.

Il giovane talento ha infatti passato solo la sua prima stagione, quella da rookie, in un team “minore” che è comunque di tutto rispetto, l‘Alfa Romeo. La sua seconda stagione l’ha passata al volante della Ferrari, segnando numerose pole e portando a casa le sue prime vittorie. L’unica pecca del suo stile grintoso è una mancanza di consistenza che può dipendere sia dalla macchina che dall’inesperienza, una pecca che solo il tempo può appianare.