F1 2019 Gp del Canada, dichiarazioni di Hamilton e Bottas dopo le qualifiche

Si è conclusa la seconda giornata del weekend in Canada, quella dedicata alle qualifiche. La Mercedes insidia la prima fila della Ferrari, piazzando al secondo posto Hamilton, un po’ più staccato, sesto, Bottas.
Hamilton fa i complimenti a Vettel per la pole position e dà appuntamento alla gara.
Fonte: Twitter Hamilton

Solo 206 millesimi lo separano dalla prima posizione in griglia di partenza. Il pilota britannico ammette come il team di Maranello abbia fatto la differenza nel terzo settore:

La Ferrari ha fatto chiaramente la differenza nell’ultimo settore. Potete iniziare a scrivere che hanno la ‘party mode’. Non so chi disse per a Seb che avevamo il ‘party mode’, ma la loro velocità a fine rettilineo è stato l’aspetto che ci ha fatto perdere tanto tempo nell’ultimo settore. Per tutto il fine settimana hanno avuto un grande passo. Gran parte della loro velocità era data dai 6 decimi di vantaggio in rettilineo, perciò abbiamo lottato duramente nel fine settimana per provare a fare progressi“.

Poi Hamilton ha voluto concentrarsi sulle prestazioni della Ferrari. Spera che questo sia un nuovo inizio per il cavallino, con la possibilità di vedere una lotta più serrata per il titolo mondiale. Ne gioverebbe l’intero mondo della Formula 1:

Il ritorno della Ferrari è una notizia fantastica per il nostro sport. Io adoro lottare con un altro team e oggi eravamo molto vicini. Non ho idea di cosa potrà accadere in futuro. In certi momenti erano davanti a noi e ci siamo scambiati le posizioni per tutto il tempo. Spero che possa essere sempre così e che per loro possa essere il punto di svolta. Sarebbe fantastico avere una battaglia serrata per tutto il resto della stagione“.

Bottas inquadrato da dietro un cespuglio mentre sta effettuando il giro veloce a Montreal.
Fonte: Twitter Bottas

Il suo compagno di squadra Bottas ha rovinato la sua prestazione nel primo tentativo della Q3, rischiando di stamparsi contro il muro. Così ha tentato di spiegare le sue difficoltà al termine delle qualifiche:

“Ho fatto un errore nella prima manche della Q3, girandomi in curva 2, ma sono stato fortunato a non colpire il muro. Il secondo tentativo è stato piuttosto disordinato, ho avuto una serie di bloccaggi e non ho preso bene le curve. Non ne sono orgoglioso, ma gli errori capitano. Devo imparare molto da oggi: la macchina era buona e il nostro passo sul long run sembrava forte venerdì, quindi sono fiducioso per domani. Il sorpasso è possibile qui e abbiamo visto grandi gare in passato, quindi andrò piano e cercherò di ottenere più punti possibili”.

 

Lorenzo Carrega

Informazioni sull'autore
Giornalista Pubblicista. Esperienze in ambito giornalistico locale, non solo di sport, ma anche di cultura e tempo libero. La scrittura è la mia passione
Tutti i post di Lorenzo Carrega