F1 2018 GP Germania, Vettel: “Bello tornare a Hockenheim. Voglio la vittoria”

E’ tutto pronto a Hockenheim per il ritorno del Gran Premio di Germania, assente dal 2016. La Ferrari arriva in condizioni ottimali all’appuntamento ‘giro di boa’ della stagione. In vetta sia in classifica Costruttori (+20 sulla Mercedes) che in quella Piloti (Vettel con +8 su Hamilton), la situazione soprattutto psicologica in quel di Maranello è supportata dalla grande prova di forza mostrata a Silverstone. L’intenzione è quella di replicare anche in Germania, casa sia della Mercedes che di Sebastian.

Sebastian Vettel, durante la consueta pit walk del giovedì, stavolta a Hockenheim, che questo weekend ospiterà il Gran Premio di Germania (foto da: twitter.com/ScuderiaFerrari)

SEBASTIAN VETTEL –Purtroppo, stando a quel che ho sentito, questa potrebbe essere l’ultima volta che veniamo qui. Sarebbe davvero un peccato perdere una gara classica come questa. E poi sono nato e cresciuto a mezz’ora da qui, in una zona che significa tanto per me. Quindi, vincere sarebbe ancora più importante” – dice il tedesco – “Ci dovrebbe essere tutto esaurito e non vedo l’ora di gareggiare. Chiaramente, se ci sarà la possibilità di vincere, voglio riuscirci. Questo potrebbe forse aiutare il GP a restare ancora in Formula 1? Magari, sarebbe fantastico tornare qui l’anno prossimo o l’anno dopo“.

Per la prima volta si gareggerà su questa pista con le monoposto figlie della rivoluzione tecnica 2017: “Dovrebbe sicuramente essere più divertente. Le macchine, soprattutto in curva, sono più veloci, in particolare nelle curveQui ad Hockenheim ci sono molti punti dove credo ci divertiremo. In generale si andrà più veloce, anche grazie alle gomme Ultrasoft, anche se non so dire quanto“.

Stiamo ancora migliorando come squadra, diventando sempre più forti. Una situazione molto diversa dal 2016, quando ci bloccammo nello sviluppo. Da allora, grazie anche al cambio regolamentare, abbiamo fatto enormi passi avanti. Quest’anno, nelle prime gare, peccavamo un pò di passo, ma abbiamo imparato dagli errori e dalle situazioni, riuscendo a progredire” – ha spiegato un fiducioso Vettel – “Sono d’accordo con chi dice che la Mercedes, nelle ultime uscite, fosse un pò più veloce. A Silverstone, però, eravamo lì in qualifica e anche in gara a livello di passo. Vedremo come andranno le cose qui. E’ una continua corsa a inseguimento, abbiamo una grande macchina e un potenziale notevole per renderla migliore“.

Sebastian, quindi, ha voluto chiudere totalmente i conti con le polemiche post Silverstone: “Non c’è nient’altro da aggiungere. Si sono dette tante sciocchezze, ma siamo in gara, e può capitare di colpirsi senza fare nulla di intenzionale. D’altra parte, ci sta anche di esprimere la propria opinione, anche se non è giusta o ragionevole. Siamo persone umane. Ma sono passate due settimane ed è il caso di guardare avanti“.

Infine, il ferrarista ha detto la sua anche sul rinnovo di Hamilton con la Mercedes: “Non so perché abbiano atteso tanto per ufficializzarlo, ma non è un problema mio. Mi farebbe piacere continuare a lottare con lui nei prossimi due anni, ma solo se i risultati fossero opposti rispetto a quelli avuti nelle ultime due stagioni” – sottolinea Seb – “Quest’anno abbiamo ben sei monoposto in grado di poter lottare per la vittoria, ed è ottimo che noi della Ferrari ci siamo. Certo, una volta c’erano più monoposto in grado di lottare e sarebbe bello ridurre il divario tra i team. Vedremo che tipo di futuro ci sarà per la Formula 1. Lewis è uno dei migliori piloti sin da quando è arrivato nel Circus, per questo è bello lottare con lui“.

KIMI RAIKKONEN –Difficile fare previsioni su questo weekend. Torniamo a Hockenheum dopo due anni, con gomme diverse rispetto all’ultima volta. Se le temperature si confermeranno così elevate come oggi, mi aspetto un confronto in cui la gestione delle gomme sarà fondamentale, un po’ come in Austria” – dice Raikkonen – “Personalmente mi piace questa pista, ed è anche un posto in cui sorpassare non è difficile. Non ho mai vinto qui, ma ciò è dipeso da un sacco di problemi tecnici ed anche qualche incidente. Di certo non rientra tra le piste dove sono stato più fortunato in carriera, ma ho anche disputato buone gare e spero vada così anche in questo weekend“.

Kimi crede di poter rientrare nella lotta iridata: “Mancano tanti punti e penso ci sia la possibilità. Tutto dipenderà da tante cose, e quel che conta è fare bene gara dopo gara, per poi vedere come si sviluppa la situazione. A Silverstone, ad esempio, la mia gara è stata condizionata dalla penalità arrivata dopo il contatto con la Mercedes. Bisogna sempre migliorarsi, è ovvio, e anche le piccole cose possono fare la differenza“.

Abbiamo una buona macchina, ed è molto importante avere il feeling giusto. Tante piccole cose hanno funzionato e ci siamo confermati competitivi sulla maggior parte delle piste su cui abbiamo fatto tappa finora, con un gruppo che sta lavorando molto bene. C’è ancora tanto lavoro da fare e, pur se vinci tutte le gare, c’è sempre qualcosa da poter migliorare“, continua il finlandese, che poi chiude a sua volta con quanto successo in Inghilterra: “Sinceramente? Non ho provato fastidio per quanto è stato detto. Da quel che ho capito, credo sia partito tutto dalla conferenza stampa. Per me, comunque, è acqua passata, non m’interessa“.

Gianluca Zippo

Informazioni sull'autore
Laureato in Giurisprudenza alla Federico II di Napoli. Malato di Formula 1 e calcio, seguo anche la MotoGP e la NBA.
Tutti i post di Gianluca Zippo