F1 2017 GP Monaco Libere: in Red Bull si puntano tutte le fiches sulle qualifiche

E’ solo giovedì, ma a Monaco, come ci si aspettava, le Red Bull tornano a far capolino nelle primissime posizioni. In particolare con Daniel Ricciardo, capace nella PL2 di issarsi al 2° posto, a +0.487 da Sebastian Vettel, mentre Max Verstappen, dopo i problemi al fondo del mattino, al pomeriggio si è dovuto accodare alle due Toro Rosso, in 6° posizione, non potendo effettuare la seconda simulazione di qualifica a causa dell’incidente di Stroll. Entrambi i piloti del team di Milton Keynes, comunque, hanno preferito concentrarsi sul sabato, piuttosto che sulla gara.

Daniel Ricciardo, Red Bull, secondo oggi pomeriggio al termine della PL2 a Monaco (foto da: facebook.com/redbullracing)

DANIEL RICCIARDO –Con la macchina ho avvertito un feeling molto simile a quello della passata stagione, quando ho fatto la pole” – afferma il nativo di Perth – “Non ero molto soddisfatto delle gomme nuove, oggi, poichè bisogna riscaldarle per bene. Però è positivo che siamo lì in alto, insieme ai migliori“.

Ci siamo concentrati molto sulla simulazione di qualifica, perché sorpassare su questo tracciato è praticamente impossibile” – continua Ricciardo – “Il passo gara qui non è troppo importante, mentre lo è preparare la macchina per farla andare forte nel giro di qualifica“.

MAX VERSTAPPEN –Non è andata male e penso che possiamo essere abbastanza soddisfatti delle prestazioni ottenut finora” – dice fiducioso l’olandese – “Ho dovuto abortire il mio secondo tentativo al pomeriggio, perché c’è stata la bandiera rossa causata da Stroll proprio quando stavo facendo il mio giro. Comunque non è importante essere veloci al giovedì, conta di più fare il lavoro che era stato programmato e ci siamo riusciti“.

Le qualifiche qui sono tutto. Sono stato dietro a diverse vetture durante il long run ed è davvero difficile superare. Ragion per cui conterà fare ed ottenere il massimo sabato pomeriggio“, termina il pilota Red Bull.

Gianluca Zippo

Informazioni sull'autore
Laureato in Giurisprudenza alla Federico II di Napoli. Malato di Formula 1 e calcio, seguo anche la MotoGP e la NBA.
Tutti i post di Gianluca Zippo