Europei volley maschile: l’Italia concede il bis

Una partita facile sulla carta ma in cui gli azzurri hanno faticato più del dovuto nonostante il punteggio dica 3-0 (25-17, 25-20, 26-24) per i ragazzi di De Giorgi.

Il Montenegro fa prevalere la sua esperienza in campo ma nonostante i 18 punti dell’opposto Culafic e le giocate d’astuzia di Calic non riesce a strappare né set né punti ai nostri portacolori.

L’Italia si affida inizialmente alla coppia al centro che risponde presente ma cala nel finale di partita. A risolvere la situazione ci pensa Lavia, oggi in grande forma, insieme a Pinali, che cresce nel corso dell’incontro. Il tabellino al termine della gara segnerà 14 punti per entrambi.

Foto pubblicata sul sito Federvolley.it

Il racconto del match

I sestetti. Coach Basic si affida all’alzatore Strugar, alle bande Vukasinovic e Cacic (capitano), all’opposto Culafic, ai centrali Jecmenica e Milic e al libero Lakcevic.
De Giorgi non cambia nulla dall’incontro precedente, quindi scendono in campo: Giannelli-Pinali, Lavia-Michieletto, Anzani-Galassi e il libero Balaso.

Primo set. Ad aprire le danze ci pensa Giannelli con un buon turno al servizio a cui si aggiunge l’ace di Michieletto per il 5 a 1. Vukasinovic fatica a trovare il suo ritmo di gioco e risulta troppo falloso mandando i nostri sul +7 (10-3). Due errori in battuta consecutivi degli azzurri danno respiro agli avversari (11-6). Dopo una serie di straordinarie difese, Cacic si impone anche a muro per il 18-14. Ma la reazione sotto rete di Anzani non si fa attendere, con il terzo muro personale set riporta l’Italia sulle sette lunghezze di vantaggio (22-15). Con un errore in battuta l’Italia si aggiudica il set.

Secondo set. Vukasinovic sta cominciando a prendere le misure e il Montenegro si ritrova avanti per la prima volta (2-3); poi va ancora a segno con la pipe spostata per il 3 a 5. Gli azzurri tornano sul -1 con la diagonale attaccata da Giannelli (5-6) e tornano in vantaggio con l’ace di Lavia (7-6). Entra in partita anche Culafic con l’attacco da posto 4 per l’8 a 10 ma il nostro capitano non ci sta e piazza l’ace del 10 pari, seguito poi dal servizio vincente di Michieletto (13-11). Milic risponde dai nove metri per il 15 a 16 e De Giorgi spende il primo time-out. Pinali dopo un set sottotono si rifà con un monster block che lancia i nostri verso la vittoria del parziale.

Terzo set. Anzani subisce due murate consecutive e trova la via della panchina, al suo posto entra Ricci. Una parallela e un muro di Lavia valgono il 5 a 4. Il challenge conferma l’errore di Cacic in attacco e permette agli azzurri di mantenere quel piccolo vantaggio di due punti. Gap di distanza poi annullato dai colpi di Vukasinovic (12-13). Con la stessa sequenza di colpi di inizio set, il n.19 ci riporta sul +2 (15-13). Strugar si affida al suo opposto che non tradisce le aspettative. Il capitano montenegrino mette la firma sull’ace del 19 a 21. Due errori avversari ci riportano in partita a cui si aggiunge l’ace di Giannelli per il 22 pari. Il set si chiude solo ai vantaggi con gli attacchi dei nostri laterali.