Diritti tv Serie A: saranno ceduti anche a cinema e teatri

Una grande novità per i diritti tv della Serie A.

Metti una serata al cinema, a vedere un film di Clint Eastwood, o l’ultima opera di Sorrentino. Pare proprio che questa volta si cambia il genere e sul grande schermo potremmo vedere scorrrere i campioni della Serie A.

Cristiano Ronaldo e soci, che inizieranno a darsi battaglia dal 19 Agosto, avranno l’opportunità di essere presenti nei cinema di catene come UCI o The Space, ma anche in quelli di quartiere. Per espletare questi diritti tv, occorre che sia abilitata la ricezione satellitare delle immagini. 150 euro sono le spese previste per partita, il 60% d’incassi sarà girato direttamente alla Lega Serie A

Lunedì sarà il giorno della pubblicazione dei pacchetti, su cui si lavorerà per definire meglio i dettagli. Un pacchetto diritti sicuramente innovativo, con una possibilità in più offerta ai tifosi. Coloro che non possono sobbarcarsi una spesa eccessiva per una trasferta lunga e spossante, o magari perché è stato loro fatto divieto della trasferta.

Tra i paletti previsti, oltre come detto la dotazione di un segnale satellitare per poter trasmettere la partita, ci sarà l’obbligo di un prezzo del biglietto di 7 euro, oltre alla distanza minima di 80 chilometri dallo stadio in cui si svolge l’incontro da rispettare.

Un nuovo modo di vedere il calcio, utile soprattutto per chi non può permettersi di andare allo stadio. La visione su grande schermo renderà più emozionante vedere un incontro di calcio, con un’audio più sofisticato, immagini più grandi. Si avrà proprio la sensazione di assistere dal vivo o quasi, in una sala al buio, ricca di un’atmosfera nuova. 

Un evoluzione che sta maturando sempre di più, perchè il calcio è ormai sempre più visibile su ogni piattoforma televisiva e cinematografica. Il business che spinge sempre più verso nuovi traguardi, con nuove sperimentazioni che possono fare felici sia i tifosi che le stesse società.  

 

 

Lorenzo Carrega

Informazioni sull'autore
Giornalista Pubblicista. Esperienze in ambito giornalistico locale, non solo di sport, ma anche di cultura e tempo libero. La scrittura è la mia passione
Tutti i post di Lorenzo Carrega