Dinamo Kiev-Juventus, Pirlo: “Scendiamo sempre in campo per vincere. Dybala arrabbiato, ma veniva da 3 mesi di inattività

Le parole dell’allenatore della Juventus Andrea Pirlo alla vigilia del debutto in Champions League dei bianconeri contro la Dinamo Kiev di Lucescu. Il tecnico bianconero ha affermato come la squadra scenda sempre in campo per trovare la vittoria ed è tornato a parlare di Dybala.

Domani alle ore 18:55 si aprirà l’avventura europea della Juventus che sarà di scena in Ucraina per affrontare la Dinamo Kiev allo Stadio Olimpico.

Una sfida non semplice per i bianconeri, considerando che gli ucraini in casa hanno perso solo 4 delle ultime 17 partite. La Juventus, però, sa di dover partire con un successo se non vuole complicare la sua corsa, anche perché alla seconda giornata c’è il Barcellona e restare a 0 punti o con un solo punto potrebbe essere pericoloso.

Per Andrea Pirlo, tecnico della Juventus, sarà il debutto in Champions League e lo farà contro colui che ho lanciato tra i professionisti, vale a dire Mircea Lucescu, che lo allenò a Brescia. Nella conferenza stampa di vigilia, il tecnico bianconero ha speso belle parole per il suo primo allenatore e non vede l’ora di confrontarsi con lui: “Per quanto riguardo Lucesco è stato il mio primo allenatore, mi ha portato in prima squadra e mi ha fatto esordire. Ho un bellissimo ricordo di lui e gli sarò sempre grato e domani avremo l’occasione di sfidarci su questo campo”.

Un debutto in Champions League che comunque non spaventa, né emoziona Pirlo che si è detto tranquillo e sereno in vista di domani, con la voglia di portare a casa un successo che sarebbe importante. Successo che i bianconeri dovranno trovare senza Cristiano Ronaldo, out a causa del Covid-19, ma Pirlo non fa drammi: “Cristiano Ronaldo purtroppo sarà assente, ma abbiamo altri giocatori come Morata che possono giocare al suo posto. Il resto dell’attacco lo decideremo domani”.

Dovrebbe, invece, essere della partita Paulo Dybala, con il giocatore argentino apparso molto nervoso per non aver potuto giocare a Crotone ed in questi giorni si è proprio parlato di questo. Pirlo ha riconosciuto come la Joya sia arrabbiata, ma ha anche dichiarato come serva cautela con un giocatore che non gioca da molto: “Ci ho parlato ieri, con lui come con tutti. Era un po’ arrabbiato per non essere entrato sabato, ma non scordiamoci che viene da 3 mesi di inattività ed è stato chiuso in camera 10 giorni in Argentina con un virus intestinale. A Crotone volevo fargli giocare qualche minuto, purtroppo siamo rimasti in 10 e non ho potuto farlo. Non ha ancora giocato un minuto in stagione, per domani vedremo”.

Qualunque sia la formazione che domani scenderà in campo, la Juventus lotterà per conquistare i tre punti senza fare calcoli. Anche Pirlo ha affermato ciò ed ha sottolineato come la Juventus giochi tutte le competizioni per vincerle perché è nel DNA del club bianconero: Io non ho mai detto vinceremo lo Scudetto, ma siamo una squadra costruita per vincere come la Juve lo è sempre stata. Noi giochiamo per vincere in tutte le competizioni. Le due trasferte di Roma e Crotone ci sono costate quattro punti, ma siamo una squadra in costruzione e dobbiamo lavorare e crescere per mettere in campo quello che proviamo durante la settimana”.

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

Bonus di Benvenuto fino a 105€

Sisal Matchpoint

5€ Bonus Scommesse alla RegistrazioneFino a 350€ di Bonus

Danilo Servadei

Informazioni sull'autore
Laureando in Scienze della Comunicazione presso l'Università degli Studi di Salerno. Aspirante giornalista con la passione per il calcio estero e l'amore per quello giapponese
Tutti i post di Danilo Servadei