Coppa Italia, Juventus-Atalanta 1-0 voti e pagelle: bene Douglas Costa e Pjanic, buona prova di De Roon, male Gomez

La Juventus centra la quarta finale consecutiva di Coppa Italia, la diciottesima della sua storia grazie ad un nuovo successo, di misura, contro l’Atalanta.

Dopo il successo di inizio febbraio all’Atleti Azzurri d’Italia, la Juventus bissa con un nuovo 1-0 all’Allianz Stadium grazie alla realizzazione dal dischetto di Miralem Pjanic.

Nonostante gli infortuni, gli acciaccati ed un clima freddo e quasi nevoso che ha reso difficile un giusto spettacolo, la Juventus ha fatto valere la sua spregiudicata concretezza strappando così un nuovo pass per la finale.

Juventus-Atalanta 1-0, semifinale di ritorno Coppa Italia

Qualcosa da recriminare, però, in casa nerazzurra, visto che l’Atalanta ha avuto per larghi tratti della gara la manovra del gioco nelle proprie mani, senza rendersi quasi mai pericolosa davanti alla porta di Buffon.

L’unico grande pericolo corso, la Juventus se lo è creato da sola con un pasticcio difensivo di Benatia che ha regalato a Gomez una chance colossale vanificata dell’argentino sul palo.

Un rigore fiscale su una brutta ingenuità di Mancini meno palese di quello non fischiato per un più netto fallo di mano di Masiello, ha consegnato ad una Juventus poco brillante ma impeccabilmente concentrata una vittoria cruciale all’inizio di una settimane di sfide ad alta intensità.

MIGLIORI

Douglas Costa 7: il primo tempo del brasiliano è a luci ed ombre ma dà costantemente l’idea di poter creare pericoli da un momento all’altro. Ed infatti la sua tecnica, la sua velocità e la sua abilità con la palla al piede gli permettono di innalzare il livello generale della sua squadra nella ripresa con buoni risultati.

De Roon e Freuler 6,5: grande lotta a centrocampo dove, in entrambe le formazioni, si possono trovare gli elementi più positivi. I due nerazzurri si sacrificano incessantemente per offrire il loro solido apporto alla retroguardia oltre che una ventata di dinamismo e pericolosità alla manovra offensiva.

Pjanic e Matuidi 6,5: buon rientro del francese che dimostra di non aver perso la gamba e la tenacia della prima parte della stagione. Il bosniaco invece, è una certezza nell’inizio della manovra ed una sentenza dal dischetto dove non si fa imbambolare.

PEGGIORI

Chiellini 5,5: in difesa sbaglia poco, come spesso accade, ma rischia su Caldara con un intervento da arancione.

Gomez 5: se tanto bene aveva fatto un anno fa, lo stesso non si può dire di quest’ultima versione del Papu. Dopo aver mancato clamorosamente il due a zero a Reggio Emilia contro il Borussia Dortmund, colpisce, in modo maldestro, un palo sanguinoso che avrebbe sbloccato la partita sullo 0-0. Nel resto della partita tanti errori e tante palle perse che non lo rendono mai pericoloso se non per i suoi.