Cessione Roma: nuovo accordo con Friedkin, possibile chiusura entro 5 giorni. Ma spunta Al-Baker

Il magnate texano si avvicina sempre di più, ma l’imprenditore kuwaitano potrebbe presentare un’offerta

Pochi giorni, ed il futuro della Roma sarà scritto. La cessione del club giallorosso sembra essere prossima, scrive Il Tempo. Da Boston e Trigoria rilanciano la possibilità che la chiusura dell’affare potrebbe esserci entro l’inizio della prossima settimana, data la volontà di Pallotta (e soci) di chiudere entro Ferragosto.

L’offerta, l’unica reale, presente sul tavolo è quella di Dan Friedkin. La proposta economica messa sul piatto dal magnate texano è la più convincente per Pallotta, che però gradirebbe temporeggiare ancora per poco. Da quando Alharith Alateeqi, mediatore dell’imprenditore kuwaitano Fahad Al-Baker, uscito allo scoperto su Twitter il grillo in testa al bostoniano è entrato e come.

Le prime voci volevano Al-Baker legato al fondo sovrano del Kuwait, ma ci ha pensato Alateeqi, ai microfoni de Il Tempo, a smentirla. Resta comunque ferma la volontà di andare avanti. L’offerta che formulerà potrebbe essere di gran lunga superiore, economicamente parlando, di quella di Friedkin (490 milioni subito, poi altri 90), il quale pero è forte della credibilità della sua.

Ora, dunque, sta a Pallotta decidere. Aspettare l’offerta kuwaitana o andare sul sicuro con Friedkin? La speranza del presidente giallorosso è, ovviamente, che Al-Baker offra di più. Anche perché, spiega Milano Finanza, con le cifre fissate da Friedkin Pallotta e soci perderebbero ben 100 milioni.